rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
l'attacco / Sondalo

Manager per il Morelli, duro il Terzo Polo: "Indegno spettacolo elettorale"

La posizione dei candidati di Renew Europe Bertolini e Del Barba sulla scelta di Asst di cercare un dirigente per l'ospedale di Sondalo

La scelta di individuare un manager per la gestione dell'ospedale "Eugenio Morelli" di Sondalo non convince neanche i candidati del Terzo Polo (Renew Europe). Dopo le perplessità espresse dal presidente del movimento popolare “Rinascita Morelli Autonomo”, Ezio Trabucchi, anche Alessandro Bertolini, candidato nel seggio uninominale per la Camera, e Mauro Del Barba, candidato come capolista al seggio plurinominale per la Camera, hanno voluto dire la loro opinione.

"Diciannove anni dopo la soppressione dell’Ente Ospedaliero Morelli incorporato nell’allora Azienda Ospedaliera della Valtellina e Valchiavenna la Regione ammette di non aver dato vita a un progetto di tutela e sviluppo della sanità della Provincia di Sondrio e, per non subire punizioni elettorali, introduce con un avviso aziendale che scadrà tre giorni prima delle elezioni politiche una figura non contemplata dal decreto legislativo 30 Dicembre 1992, n.502, dalla Legge Regionale 14 Dicembre 2021, n.22 e dal POAS (piano organizzativo aziendale strategico 2022-2024) dell’ASST della Valtellina e Alto Lario recentemente deliberato dalla Regione" afferma Bertolini, primario del reparto di Oncologia presso l'ospedale di Sondrio.

"Nell’avviso aziendale si elenca una teorica cessione di poteri dalla Direzione Strategica, che gode di tutta la mia stima, alla nuova figura, incaricata per due anni con un lauto stipendio primariale. Non esiste in tutta la Regione Lombardia una riconosciuta e ufficiale cessione di responsabilità da un Direttore Generale a un subalterno, relegato in un presidio della stessa azienda. L’iniziativa serve solo per uscire sui giornali e certificare il fallimento della Regione, guidata per 25 anni dal centrodestra, nella gestione della sanità della Provincia di Sondrio. Gli strumenti per dare autonomia totale al Morelli ci sarebbero stati persino durante il dibattito di approvazione della legge n. 22 del 2021, lo scorso novembre ma la legge uscita da Palazzo Lombardia senza l’avallo delle opposizioni ha sancito la geografia dell'ASST della Valtellina e Alto Lario allo stato di fatto" chiude il candidato di Azione-Italia Viva.

"Nella sanità il modello lombardo ha fallito"

Per i candidati del Terzo Polo la questione sanità è complessa ed ampia, sotto tanti punti di vista. "Sulla sanità non solo in Italia il covid ha cambiato tutto. Dal 2020 e? evidente che anche il modello lombardo ha fallito e oggi soprattutto i territori periferici, non solo quelli montani, ne pagano le drammatiche conseguenze. Con riferimento all’ospedale di Sondalo, la volontà della regione di depotenziarlo e? nei fatti e nei documenti scritti da loro stessi" commenta Del Barba.

"Ogni volta che si avvicina una tornata elettorale assistiamo a questo inutile e indegno spettacolo che ora non puo? piu? essere accettato. Il voto e? il vero e unico strumento nelle mani dei cittadini, non l’astensione. Serve investire nella sanità in strutture, attrezzature, personale. Dopo anni di contrazioni questa oggi e? un’emergenza nazionale e una questione di sicurezza. Siamo rimasti gli unici a chiedere con forza i 37 miliardi del Mes sanitario per questo scopo, anche Matteo Renzi lo ha ribadito pochi giorni fa a Lecco" prosegue il deputato morbegnese.

"Assistere all’ennesima presa in giro della Regione che pensa di cavarsela non e? piu? accettabile; non solo per l’ospedale di Sondalo ma per tutta la sanità di montagna chiediamo il voto dei cittadini e la compattezza degli amministratori locali. Oggi tutto e? cambiato. I piani della Regione vanno totalmente rivisti e serve una forza nazionale che spinga in questa direzione senza imbarazzi" conclude Del Barba.

I due candidati di Azione-Italia Viva hanno convocato una conferenza stampa per illustrare nei dettagli l’intera proposta di riforma formulata per la sanità valtellinese. "Il Mes e la revisione della legge 502 sono ora necessari per uscire subito dalla grave situazione in cui si e? venuta a trovare la sanità locale", dichiarano i due.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manager per il Morelli, duro il Terzo Polo: "Indegno spettacolo elettorale"

SondrioToday è in caricamento