rotate-mobile
Lunedì, 3 Ottobre 2022
Politica

Elezioni, "Competenza e concretezza": ecco il Terzo Polo

La presentazione ufficiale dei candidati di Renew Europe (Azione e Italia Viva). Del Barba: "Noi unico partito attento al territorio nelle candidature". Sanità di montagna al centro del programma

"Saremo la sorpresa". C'è ottimismo tra i candidati valtellinesi del "Terzo Polo", quel Renew Europe che riunisce Azione di Carlo Calenda e Italia Viva di Matteo Renzi. A Sondrio, nel tardo pomeriggio di lunedì 5 settembre, in una sala piena di simpatizzanti e curiosi, si sono presentanti, raccontando la propria visione in vista delle urne, il morbegnese Mauro Del Barba (capolista al plurinominale per la Camera), l'ex forzista Giusy Versace (capolista al plurinominale per il Senato), il primario oncologico Alessandro Bertolini (candidato nel seggio uninominale per la Camera) e l'imprenditore brianzolo Giuseppe Conti (candidato nel seggio uninominale per il Senato).

C'è entusiasmo in sala per una nuova avventura politica che mira a scardinare il bipolarismo italiano. "Siamo europeisti, progressisti e liberali", ha rimarcato con fierezza Chiara Piatti, coordinatrice provinciale del nuovo progetto politico insieme a Mauro Romeri. Importante la rappresentanza territoriale, concretizzata con due candidature locali nel maxi collegio che vede la provincia di Sondrio insieme a quelle di Lecco, Como, Varese e Monza. "Gli altri partiti hanno fatto tabula rasa in Valtellina, noi no. Siamo l'unica forza politica che ha messo i candidati della provincia di Sondrio nei posti eleggibili. Le altre forze, nemmeno il centrodestra, per la prima volta, l'ha fatto. La Lega non candida nessuno della provincia di Sondrio come capolista, portando qui il paracadutato Giorgetti. Sono orgoglioso che il mio partito mi abbiamo voluto dare una posizione eleggibile. È segno di attenzione verso il nostro territorio", ha sottolineato con forza Del Barba.

renw europe-2

Nella giornata del sopralluogo di Giancarlo Giorgetti, ministro allo Sviluppo Economico, al cantiere della tangenziale di Tirano, proprio Del Barba ha voluto rimarcare il proprio ruolo strategico nel reperimento delle risorse economiche necessarie (90 milioni di euro sui 187 complessivi). "Se faccio la somma di quante risorse, in questi anni da parlamentare, sono riuscito a portare in provincia di Sondrio viene una cifra di 50 milioni di euro all'anno. Lo dico senza presunzione perchè non sono le cifre a 'fare' un politico. Sono stato fortunato perchè, grazie all'aiuto di compagni capaci, sono stato messo in commissione Bilancio dove sono riuscito a trovare le risorse. Quella di cui sono più orgoglioso è la legge sulle società benefit (di cui Del Barba è primo firmatario, ndr), una legge che ci sta copiando tutto il mondo. Dalle urne del 25 settembre usciranno tante sorprese, ne sono certo".

Massima attenzione sulla sanità

"Il tema degli ospedali è molto sentito in provincia di Sondrio. Il tema della sanità è stato esasperato dal covid. Sono venute alla luce tutte le debolezze del sistema sanitario nazionale, compreso il tanto decantato sistema lombardo. Ho sempre avuto un certo imbarazzo a parlare di sanità in politica perchè c'è di mezzo la sofferenza dei malati. Durante il covid non ho voluto far della speculazione politica come non ho ritenuto 'cavalcare' i comitati popolari, nello specifico quello costituito a Sondalo, che si oppongono a delle politiche di chiusura che, in maniera ipocrita, vengono tenute nascoste. Oggi però, dopo il covid e con il rilancio del PNRR, è venuto il momento di mettere al centro delle politiche il tema della sanità, oggi diventato tema di sicurezza oltre che di benessere" ha aggiunto del Barba. 

Parola d'ordine competenza. Per questo è vista come strategica la candidatura di Bertolini, primario del reparto di Oncologia presso l'ospedale di Sondrio, già consigliere di minoranza a Colico. "Ho accettato questa candidatura perchè voglio salvare il sistema sanitario nazionale. Voglio dare il mio contributo, in particolare in Valtellina, perchè sono un indignato. Nel Terzo Polo c'è attenzione alla competenza ed io voglio mettere a disposizione la mia in ambito sanitario. Il provincia di Sondrio ci sono dei grossi problemi, la nostra sanità non è più quella di una volta. La responsabilità è della Regione che non ha costruito un modello per noi e non ci ha tutelato. Dobbiamo votare persone che sappiano riportare la sanità in Parlamento e riaprire una legge vecchia di 30 anni".

Orgoglio e determinazione

Concentrati sull'obiettivo anche i due candidati provenienti da fuori provincia. Giusy Versace fresca di uscita da Forza Italia dopo la caduta del Governo Draghi, atleta parolimpica e personaggio impegnato in tv e nel sociale, è candidata anche nel collegio uninominale di Varese. "Credo fortemente in 'Renew Europe'. Chi mi conosce sa quanta determinazione metto nelle cose che faccio. Questo gruppo occupa quell'area liberale, riformista ed europeista nella quale io mi rivedo. Io arrivo dal mondo dello sport e per me il gioco di squadra è fondamentale. Qui c'è collaborazione e concretezza". Tra i temi cari all'onorevole uscente spicca quello disabilità.

Industria e giovani al centro del programma di Giuseppe Conti, ad una condizione, il ritorno di Mario Draghi alla guida del paese. "Sono estorofilo. Quando, grazie a Renzi, abbiamo messo Draghi al posto di Conte i miei clienti mi hanno chiamato dall'estero per dirmi quanto fossimo fortunati ad averlo. Puntiamo all'industria 4.0 e alla formazione dei giovani".


 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, "Competenza e concretezza": ecco il Terzo Polo

SondrioToday è in caricamento