rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Attualità Montagna in Valtellina

Tangenziale al Trippi, un cavalcavia e due rotonde: cosa prevede il progetto

Dopo le polemiche del 2022 pare certa la costruzione della rotonda all'altezza di via Europa. Tutti gli interventi previsti a Montagna in Valtellina

Mai come nelle ultime giornate nel circondario della città di Sondrio (e non solo) si è tornati a discutere della prossima realizzazione del cavalcavia del Trippi, l'opera "olimpica" pensata per risolvere l'annoso problema dell'attraversamento ferroviario della tangenziale del capoluogo, nel territorio comunale di Montagna in Valtellina. Un intervento atteso da anni che, come spesso accade, non ha trovato consenso unanime.

Gli ultimi ad esprimere opinioni contrastanti sono stati i primi cittadini direttamente coinvolti, Marco Scaramellini per il capoluogo e Barbara Baldini per il comune retico. Se per l'ingegnere sondriese "è un problema di vivibilità e sicurezza e non si può ignorarlo", per la collega la questione è delicata, soprattutto da un punto di vista ambientale. Intanto la "macchina" è avviata e Anas, insieme ai progettisti (gli ingegneri Stefano Monni Carlo Mazzetti e Michele Frizzarin, oltre agli agronomi Luciano Luciani e Giulio Tono), è al lavoro per arrivare in tempi stretti al progetto definitivo.

"Opera essenziale"

"L’intervento in questione è una delle opere già individuate dal decreto 7 dicembre 2020, adottato dal Ministro delle infrastrutture e mobilità sostenibili di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze. Si tratta di opere da realizzare con le risorse stanziate dalla legge di bilancio 2020 e finalizzate a garantire la sostenibilità delle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026. Ai fini di garantire una idonea accessibilità ai siti lombardi interessati dalle Olimpiadi Invernali 2026, si rende necessario definire un nuovo attraversamento della linea ferroviaria Sondrio-Tirano lungo la SS 38 'dello Stelvio', in alternativa o sostituzione del passaggio a livello della linea ferroviaria Sondrio-Tirano. Nello specifico, la Tangenziale Sud di Sondrio è indicata, nell’ambito del suddetto Decreto, quale opera 'essenziale'", si legge nel progetto definitivo redatto da Anas.

Tangenziale di Sondrio, come sarà il nuovo cavalcavia del Trippi

Tra il 2021 ed il 2022, la società Concessioni Autostradali Lombarde (CAL), per conto della Regione Lombardia e sotto il controllo tecnico degli uffici della Direzione Tecnica di ANAS, ha sviluppato il progetto di Fattibilità Tecnico Economica (PFTE) dell’intervento. Tra le sei alternative ipotizzate quella scelta permetterà "il superamento dell’interferenza ferroviaria mediante la realizzazione di un viadotto di scavalco della ferrovia e relativi rami di collegamento. L’inserimento risulta facilitato sfruttando l’orografia presente, essendo cioè l’abitato e la SS38 storica lato Bormio ad una quota superiore della ferrovia, facilitandone così lo scavalco e limitando l’impatto ambientale".

Schermata 2024-02-06 alle 15.54.54
Il progetto del cavalcavia

I dettagli

L'intervento, i cui costi dovrebbero superare i 50 milioni di euro, prevede la realizzazione di più opere lungo i 770 metri di tracciato interessati dal progetto. Oltre al cavalcavia a 4 campate, per un'estensione totale di circa 250 metri, si prevede l'adeguamento in sede della SS38 (circa 330 metri a sud della linea ferroviaria e circa 90 metri a nord dei binari). Contestualmente verranno realizzate due rotatorie a raso: una in sostituzione dell’intersezione "a T" tra Via Europa e la tangenziale (con un diametro di 50 metri) ed una al di sotto del nuovo viadotto, in sostituzione dell’intersezione "a T" tra la SS 38 e la SP 19 in direzione Piateda/Faedo Valtellino.

Già nel 2022 si era discusso dell'opportunità di costruire una rotonda all'altezza dello svincolo di via Europa, nei pressi della Motorizzazione civile. Decise a tal proposito erano state le critiche del presidente di Aci Sondrio, Andrea Mariani. "Non si è mai vista una tangenziale che si interseca con una rotonda a raso. È un'opera totalmente inaccettabile. Interveniamo per togliere la rotonda a Castione Andevenno e poi un chilometro sopra creiamo la stessa cosa", aveva evidenziato nel novembre 2022. Di tutta risposta Massimo Sertori, assessore regionale alla Montagna, aveva voluto rassicurare ("Non credo si creerà un nuovo tappo perché già ora, in quel punto della tangenziale, transitando verso Tirano, si arriva in decelerazione"), prima di annunciare di aver chiesto ad Anas "un approfondimento tecnico per verificare la possibilità di una soluzione alternativa che consenta lo svincolo verso l’area artigianale senza rotonda". Approfondimenti tecnici che, ad oggi, non hanno portato al risultato paventato.

progetto rotonda via Europa tangenziale sondrio-2
Le opere previste ad ovest del cavalcavia del Trippi

La nuova rotatoria

Due rampe di accelerazione/decelerazione permetteranno di collegare la rotatoria costruita nei pressi del ponte sopra l'Adda e la SS 38 in direzione Morbegno. Anche chi vorrà dirigersi verso Tirano, giungendo da Piateda, sarà obbligato, a svoltare verso ovest, fino alla nuova rotonda di via Europa. Solo lì potrà fare inversione e dirigersi nella direzione desiderata. Sull'altro lato del cavalcavia, nei pressi dell'autonoleggio e della carrozzeria oggi presenti, sarà realizzata una rampa di svolta diretta dalla SS38 (proveniente da Tirano) verso via Stelvio, denominata uscita “Trippi”. Secondo le previsioni di Anas questo permetterà di "garantire la penetrazione verso il capoluogo in modo del tutto analogo a quanto avviene oggi".

Schermata 2024-02-06 alle 15.53.48
La corsia per raggiungere via Stelvio provenendo da Tirano

Infine il progetto prevede anche la costruzione di un nuovo tracciato ciclabile che, dall’area commerciale di Montagna, si connetterà al sentiero Valtellina esistente lungo l'asta del fiume. Tale sentiero verrà realizzato a seguito di quanto richiesto dalla CM Valtellina di Sondrio, cioè "un sottopasso ciclopedonale alla tangenziale (come già in studio da anni per quella zona) che possa completare le opere già realizzate di sottopasso ciclopedonale (in sostituzione di un ex passaggio a livello in zona Trippi) e le piste ciclopedonali che arrivano dal Comune di Sondrio e dal Comune di Montagna in Valtellina nella zona interessata dai lavori". "Contestualmente potrà essere eliminato l'accesso attualmente esistente nella zona del ponte verso Faedo Valtellino (dove verrà realizzata la nuova rotatoria sottostante al nuovo viadotto) eliminando una interferenza molto pericolosa tra la viabilità ciclopedonale e la viabilità ordinaria", come si legge nel documento.

Tangenziale di Sondrio, il rendering del nuovo cavalcavia del Trippi - 3

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tangenziale al Trippi, un cavalcavia e due rotonde: cosa prevede il progetto

SondrioToday è in caricamento