rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
La querelle a cinque cerchi / Albosaggia

"La capitale dello scialpinismo è Albosaggia"

Nell'ambito della presentazione di Valtellina Orobie si torna a parlare dell'assegnazione a Bormio delle gare di Skialp delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026 con il netto intervento del consigliere provinciale Franco Angelini

L'assegnazione delle gare di scialpinismo delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026 a Bormio aveva fatto molto discutere e, in particolare, il sogno a cinque cerchi di Albosaggia, si era trasformato in un vero e proprio incubo come avevano dimostrato la rabbia e la delusione espresse dal primo cittadino Graziano Murada. 

Oggi, a distanza di quasi tre mesi, nel corso della conferenza stampa di presentazione di Valtellina Orobie, manifestazione valida come tappa di Coppa del mondo di scialpinismo, il consigliere provinciale Franco Angelini, pur senza un aperto intento polemico, ha riaperto in qualche modo la querelle con il suo intervento.

"Per l’amministrazione provinciale - ha sottolineato Angelini - Albosaggia è e sarà sempre la capitale dello scialpinismo, non solo a livello provinciale, ma lombardo e nazionale. Il Cio ha posto dei paletti e delle regole che non hanno permesso l’assegnazione delle gare olimpiche, ma era e rimane nostra opinione che Albosaggia sia assolutamente in grado di organizzare eventi come quello olimpico. Albosaggia si è consacrata capitale dello scialpinismo e continua a farlo oggi grazie all’impegno e al lavoro della sua Polisportiva e ai risultati ottenuti dai suoi atleti che sin da piccoli, con grandi sacrifici si dedicano a questa disciplina. Tra l’altro sono stati proprio questi ultimi a “cambiare le regole del gioco” e a far sì che lo scialpinismo diventasse una disciplina olimpica".

L'assegnazione olimpica

Prima dell'intervento di Angelini, era stato Antonio Rossi, sottosegretario alla presidenza di Regione Lombardia per lo sport, le Olimpiadi 2026 e i grandi eventi, a ricordare come era avvenuta l'assegnazione delle gare olimpiche 2026 di scialpinismo a Bormio: "C’erano tre candidature - ha evidenziato Rossi - e il Cio ha posto come “paletto” il fatto che a ospitare le gare fosse una location già coinvolta in altri eventi e dunque è stata scelta Bormio".

DSCN3873-2

"In ogni caso - ha precisato sempre Antonio Rossi parlando alla platea riunita nella sala consiliare del Comune di Albosaggia - lo scialpinismo è uno sport olimpico grazie a voi, alla vostra esperienza e alle aziende che lavorano intorno a questa disciplina".  

Gallery

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La capitale dello scialpinismo è Albosaggia"

SondrioToday è in caricamento