rotate-mobile
La presentazione / Albosaggia

Valtellina Orobie, per la Coppa del Mondo un'edizione extralarge

Presentata oggi ad Albosaggia la manifestazione di scialpinismo che coinvolgerà l'intero mandamento di Sondrio

Insieme è meglio: potrebbe essere questo motto a sintetizzare l'edizione numero 35 di Valtellina Orobie ISMF SKI MOUNTAINEERING WORLD CUP, la gara internazionale di scialpinismo, organizzata dalla Polisportiva Albosaggia e dal Comune orobico che quest'anno è valida anche come tappa di Coppa del Mondo della disciplina con la disputa di ben due prove.

Le gare

Giovedì 3 febbraio si disputerà la Sprint race sulle nevi di Caspoggio, mentre sabato 5 febbraio è in programma la Individual Race proprio ad Albosaggia. Alle prove prenderanno parte circa 160 atleti, in rappresentanza di 15 nazioni, nelle categorie Senior, Under 23 e Under 20. 

Proprio l'Unione dei Comuni della Valmalenco, così come l'amministrazione comunale di Sondrio è uno dei partner di quest'anno nell'organizzazione dell'evento: "Dopo l’esperienza di alcuni anni fa - ha sottolineato Danilo Bruseghini, sindaco di Caspoggio - abbiamo accettato con entusiasmo di essere parte di questo avvenimento che dà lustro al territorio e al turismo sportivo anche grazie a una collaborazione attiva tra le parti. Abbiamo tutti gli strumenti per riuscire a dare valore alla Valmalenco e alle Orobie".

"Per quest’anno gli standard qualitativi richiesti dalla Federazione sono ulteriormente aumentati, ma la cosa non ci spaventa. - ha fatto eco Gianluca Cristini, presidente della Polisportiva Albosaggia - Caspoggio è una località perfetta, al centro delle montagne e ci attende una gara spettacolare, caratterizzata da tutti i cambi d’assetto. Per l’individuale ad Albosaggia avremo campi gara eccezionali, grazie a uno staff tecnico eccellente guidato da Massimo Murada e Graziano Boscacci".

Le iniziative di contorno

Se Caspoggio sarà coinvolta direttamente nelle competizioni sportive, Sondrio, invece, avrà un ruolo centrale per quanto concerne le iniziative di contorno (messe a punto anche grazie a Fondazione Albosaggia) e nelle operazioni preliminari e conclusive delle gare visto che da mercoledì 2 a sabato 5 febbraio nel centro storico di Sondrio si terranno la cerimonia d'apertura, sarà collocato l'ufficio gara e si terrà la premiazione della Individual Race.

Per ciò che concerne le iniziative di contorno, invece, al Teatro sociale, dal 2 al 4 febbraio tre mattinate verranno dedicate alla promozione dello scialpinismo agli studenti delle scuole; nelle stesse date, tra le 15,30 e le 18,30 il Cai Giovani organizzerà una gara di velocità sulla palestra di arrampicata e permetterà a chiunque di cimentarsi con questa disciplina. In piazza Garibaldi dal 2 febbraio sarà aperto il Villaggio dello Skialp e non mancheranno laboratori ed eventi serali. Sabato 5 febbraio la Individual Race verrà trasmessa in diretta sul maxischermo allestito in piazza Garibaldi a Sondrio.

"Crediamo molto nell’iniziativa - ha sottolineato Marco Scaramellini, sindaco di Sondrio - e ringrazio Murada per aver voluto ampliare la base organizzativa. Credo sia la strada giusta per proporre eventi a livello internazionale. Siamo al centro della macro regione alpina e abbiamo le carte in regola affinché questo sia un evento spettacolare che porti il nome della provincia di Sondrio in giro per il mondo".

"Lo scialpinismo è diventato sport olimpico e quindi anche Albosaggia - ha così "sintetizzato gli interventi dei suoi colleghi il sindaco della località orobica Graziano Murada - ha deciso che lo Skialp e Valtellina Orobie facessero un ulteriore salto di qualità, cioè la condivisione con i territori vicini. Vogliamo che lo scialpinismo sia sport, ma anche momento di rilancio turistico per il mandamento e voglio assolutamente riconoscere tutti i meriti della Polisportiva Albosaggia per il ritorno della Coppa del Mondo seppur nel difficile contesto della pandemia".

Gli sponsor

Un lavoro, quello di Polisportiva Albosaggia ed enti locali, premiato dal sostegno di vari sponsor, tra cui i principali sono Edison, Credit Agricole-Creval e Consorzio turistico Sondrio-Valmalenco: "Per praticare lo scialpinismo serve tenacia, - ha sottolineato Mauro Zecca, responsabile degli impianti idroelettrici di Valtellina e Valchiavenna per Edison - che è la stessa necessaria a gestire gli impianti ereditati dai nostri nonni, che li hanno realizzati con tanta fatica".

"E' un orgoglio avere in provincia di Sondrio un evento che conferma il territorio ai vertici del panorama mondiale dello scialpinismo", ha invece spiegato Umberto Colli, vice direttore generale vicario di Creval, mentre il presidente del consorzio turistico Sondrio Valmalenco Dario Ruttico ha evidenziato, infine, come "la valorizzazione del territorio passa anche attraverso queste manifestazioni di alto livello che ci insegnano a lavorare congiuntamente anche in vista dell’appuntamento olimpico".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valtellina Orobie, per la Coppa del Mondo un'edizione extralarge

SondrioToday è in caricamento