rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Bilancio e prospettive

Il dirigente Ust Molinari: "Collaboriamo per tutelare la scuola in aree montane"

Il video del dirigente dell'ufficio scolastico provinciale tra presente e futuro senza trascurare la questione covid: "Vaccinarsi è un atto di generosità"

L'arrivo delle festività natalizie è l'occasione, per il dirigente dell'Ufficio scolastico territoriale di Sondrio Fabio Molinari, per tracciare un bilancio dell'attuale anno scolastico fino a questo momento e per analizzare quali siano le prospettive future proprio del sistema scolastico in Valtellina e Valchiavenna.

Le sfide 

Già in questi mesi lo stesso Molinari, i dirigenti scolastici e i docenti hanno dovuto affrontare alcune difficoltà e questioni spinose, come ad esempio quelle relative alle "classi pollaio" a Sondalo o alla scuola "Torelli" di Sondrio: "Forse, - ammette lo stesso Molinari nel video  - le soluzioni adottate non sono state ottimali, ma ho comunque apprezzato quanto fatto da tutte le parti in causa per rendere la situazione migliore".

Per quanto riguarda il futuro più a lungo termine, invece, le sfide più importanti sono rappresentate dal calo demografico e dalla necessità di ripensare il sistema scolastico per preservarlo e impedire lo spopolamento delle aree montane. Affinché questo accada fondamentale saranno dialogo e collaborazione: "E' prioritario trovare strumenti che tutelino la scuola nelle aree montane per evitare lo spopolamento. - ha sottolineato il dirigente dell'ufficio scolastico territoriale - Il sistema scolasticosarà chiamato ad affrontare alcuni cambiamenti, ma posso garantire che le decisioni verranno sempre concertate con gli enti affinché non siano mai calate dall'alto. La scuola di montagna deve essere conservata e preservata nei limiti delle risorse che ci verranno assegnate. Per questo è fondamentale che ci sia dialogo e non polemica e che, specie pubblicamente, non ci presentiamo divisi".

L'appello

E proprio in tal senso si inserisce la considerazione relativa alla formazione professionale ("Non è concorrenza, ci deve essere una stretta sinergia con quel mondo"), mentre la più stretta attualità richiedere l'ennesimo appello al vaccino contro il covid-19.

"Siamo ancora in mezzo a un guado - ha ammesso Molinari - ma la situazione è migliorata rispetto a un anno fa grazie ai comportamenti e ai vaccini. Per questo credo che, chiunque possa, è giusto si vaccini. Il vaccino è un atto di generosità nei confronti degli altri".

Ecco il video messaggio completo di Fabio Molinari

 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il dirigente Ust Molinari: "Collaboriamo per tutelare la scuola in aree montane"

SondrioToday è in caricamento