rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Occasione mancata

Turismo rurale: 4,7 milioni per 45 progetti, ma manca la provincia di Sondrio

La cifra è stata stanziata da Regione Lombardia nell'ambito del Programma di sviluppo rurale

Un'occasione persa, specialmente in un momento come questo, in cui il turismo è in una fase di rilancio nella fase post-pandemica e da più parti, anche in provincia di Sondrio, si insiste sulla necessità di interecettare i turisti che sempre più spesso scelgono vacanze "slow" e sostenibili, a contatto con la natura, alle scoperta delle bellezze ambientali e delle eccellenze enogastronomiche di un territorio.

Regione Lombardia, infatti, nell'ambito del Programma di sviluppo rurale, ha stanziato 4,7 milioni di euro con cui sono stati finanziati 45 progetti di sviluppo di infrastrutture e servizi turistici locali. Iniziative legate al turismo rurale, all'attrattività e alla valorizzazione dei prodotti enogastronomici, aspetti che, almeno sulla carta, sono prioritari nelle proposte di Valtellina e Valchiavenna. Tuttavia, nessuno dei progetti finanziati è stato presentato da enti della provincia di Sondrio che è dunque rimasta esclusa in toto dal finanziamento.

"La Lombardia è la prima regione agricola d'Italia in termini di produzione e di trasformazione, ma purtroppo non viene ancora riconosciuta come grande terra di turismo enogastronomico. Un gap che vogliamo colmare, con investimenti legati alla promozione dei territori attraverso i nostri prodotti. - ha affermato l'assessore all'agricoltura, alimentazione e sistemi verdi della Regione Lombardia, Fabio Rolfi - Punti informativi per i visitatori, segnaletica, aree ricreative nei percorsi rurali. Bisogna offrire ai turisti strutture adeguate che possano consentire di gustare i nostri prodotti rimanendo a contatto con le zone agricole. Sempre più spesso le persone scelgono una meta anche in base a ciò che un territorio può offrire sotto il profilo enogastronomico. La Lombardia ha una prateria davanti in questo ambito e dobbiamo sfruttarla. Dobbiamo essere al passo coi tempi, utilizzando ogni strumento tecnologico per far conoscere a italiani e stranieri ciò che offrono le nostre valli e la nostra pianura anche per influenzare la scelta della destinazione".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo rurale: 4,7 milioni per 45 progetti, ma manca la provincia di Sondrio

SondrioToday è in caricamento