rotate-mobile
Domenica, 19 Maggio 2024
La storica gara / Livigno

Bwt Sgambeda 2023: ecco i trionfatori di oggi a Livigno

La manifestazione di sci di fondo è arrivata alla sua edizione numero 33

Grande successo di pubblico e partecipazione a Livigno, per l’edizione numero 33 della BWT Sgambeda, che ha regalato emozioni dall’inizio alla fine, rendendo indimenticabile quest’ultima domenica prima delle festività natalizie. Numeri eccellenti e in crescita rispetto all’anno passato, con iscritti provenienti da ogni parte d’Europa e in rappresentanza di oltre 100 team, a testimonianza del fascino esercitato dalla storicità di questa manifestazione e del profondo processo di internazionalizzazione, che caratterizza da tempo gli eventi organizzati sul territorio livignasco.

Francia, Norvegia, Spagna, Finlandia, Repubblica Ceca, Polonia, Austria e Svizzera sono soltanto alcune delle nazionalità rappresentate dai pettorali di quest’anno, per una vera e propria festa dello sci di fondo, capace, grazie al suo forte radicamento nel tessuto sociale, alla lunga tradizione e alla qualità tecnica del percorso, di riunire nello stesso orizzonte professionisti della disciplina, amatori provenienti da ogni latitudine e una folta rappresentanza di atleti locali.

Sono stati 30 i chilometri previsti per questa edizione 2023, distribuiti su un tracciato di rara bellezza naturalistica, impreziosito da numerosi passaggi spettacolari, studiati ad hoc per valorizzare al meglio la natura incontaminata che circonda il Piccolo Tibet, offrendo così agli atleti e al pubblico, presente lungo tutto il percorso, delle istantanee degne di una cartolina o del pennello di un paesaggista. La cornice ideale per dare risalto anche alla buona prestazione tecnica messa in mostra dai partecipanti.

La gara maschile

Tra gli uomini, con il tempo di 1:06':06", a vincere è stato il francese Gerard Agnellet, pettorale numero 204, che ha spezzato le resistenze dell’azzurro Paolo Fanton, sfortunato protagonista della rottura di un bastone, proprio nel momento clou. Emozionante, comunque, la sfida tra i due, capaci di staccare gli altri componenti del gruppetto di testa. Completa il podio Daniele Serra, primo tra gli inseguitori, mentre il migliore degli atleti livignaschi è, alla fine, Saverio Zini.

La prova femminile

Tra le donne, trionfo della polacca Justyna Kowalczyk, profonda conoscitrice del percorso e habitué del gradino più alto del podio. Con il crono di 1:14':12" ha sbriciolato la concorrenza, bissando la vittoria dello scorso anno, e confermandosi atleta di altissimo livello, come certificato anche dai 5 podi olimpici raccolti in carriera. Con lei, sul podio finale, la francese Emilie Bulle e la tedesca Sigrid Mutscheller, staccate rispettivamente di un minuto e 14, e di oltre due minuti e mezzo.

L’evento, inaugurato sabato dalla MiniSgambeda, altro appuntamento di convivialità e sport, è stato concluso infine, dal pasta party in Plaza Placheda, un momento di festa che rappresenta al meglio lo spirito della manifestazione. Un punto di forza nella filosofia di Livigno, sempre lieta di investire nello sport come strumento di coesione sociale per l’intera comunità. Una visione che si è realizzata anche nella presenza al via di numerosi atleti locali, tra cui l’ex olimpionica Marianna Longa, e di una decina di amatori che hanno partecipato ad ogni singola edizione dalla nascita dell’evento a oggi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bwt Sgambeda 2023: ecco i trionfatori di oggi a Livigno

SondrioToday è in caricamento