La Provincia di Sondrio guarda al suo futuro, con un occhio alle Olimpiadi

Al Tavolo territoriale si è parlato di infrastrutture, sanità e semplificazione. Sertori: «Con spirito fattivo di collaborazione dobbiamo affrontare le problematiche facendo sintesi sui territori e portando a Regione Lombardia una voce comune»

Adeguamento infrastrutturale, con investimenti per le arterie stradali e un ammodernamento della rete ferroviaria, sanità - con la massima attenzione a quella di prossimità per offrire servizi sempre più efficienti ai cittadini - e, sullo sfondo, il tema delle olimpiadi invernali del 2026 con la candidatura di Milano-Cortina che coinvolge a pieno titolo i territori della Valtellina per i quali l'assegnazione dei Giochi Olimpici potrebbe costituire un acceleratore dei progetti e delle iniziative in atto.

Questi gli argomenti affrontati durante i lavori del Tavolo territoriale di Sondrio al quale hanno partecipato l'assessore agli Enti locali, Montagna e Piccoli comuni, Massimo Sertori, il sottosegretario alla Presidenza con delega ai Grandi eventi sportivi, Antonio Rossi, il vice segretario generale vicario di Regione Lombardia, Pier Attilio Superti, e esponenti delle istituzioni e delle associazioni di categoria del territorio valtellinese.

«La Valtellina - ha detto l'assessore regionale con delega alla Montagna e che coordinerà i lavori del Tavolo territoriale di Sondrio - ha una straordinaria vocazione turistica ma anche forti fragilità: tra queste i fenomeni di dissesto idrogeologico e le difficoltà per i collegamenti stradali e ferroviari, nodi che stiamo affrontando con grande impegno. Lavoriamo sul primo tratto della Statale 38, sulla tangenziale di Morbegno, già realizzata e su quella di Tirano, al momento finanziata e di cui è prossimo l'avvio dei lavori, oltre al completamento della tangenziale di Sondrio: opere che riceveranno una forte accelerazione nel caso in cui la candidatura di Milano-Cortina 2026 esca vincitrice dalla seduta del Comitato Olimpico Internazionale che si riunirà il 24 giugno a Losanna».

Olimpiadi: accelleratore per il territorio

«Tra poco più di un mese sapremo se i membri designati dal Cio assegneranno le Olimpiadi a Milano e Cortina, in caso positivo per questo territorio ci sarebbero straordinarie ricadute positive» ha commentato Antonio Rossi. 

«Abbiamo confezionato un dossier di altissimo livello grazie al lavoro svolto con i sindaci e i tecnici della Valtellina. Sono emerse alcune criticità che già conoscevamo, soprattutto dal punto di vista della mobilità, ma attendiamo il 24 giugno con grande fiducia. In ogni caso, quest'area è un punto fisso tra le priorità della Regione ma è innegabile che, con l'occasione delle Olimpiadi, tutti gli interventi programmati sarebbero velocizzati. Oltre alle azioni per il potenziamento delle infrastrutture e della mobilità, insieme all'Assessorato allo Sport stiamo programmando nuovi bandi per l'impiantistica e, in ottica turistica, pensiamo a opportunità per il potenziamento dell'accoglienza e della ricettività. Sarebbe una vetrina straordinaria - ha concluso il sottosegretario ai Grandi eventi sportivi - per dare ulteriore visibilità mondiale allo straordinario territorio della Valtellina» ha concluso il sottosegretario ai Grandi eventi sportivi di Regione Lombardia.

Eusalp, la macroregione alpina

Ai lavori del Tavolo territoriale di Sondrio è intervenuto anche il Vice Segretario generale vicario di Regione Lombardia, Pier Attilio Superti che è anche moderatore e coordinatore degli incontri di approfondimento e confronto organizzati periodicamente presso gli uffici territoriali regionali.

«La presidenza di Eusalp da parte dell'Italia, con la Lombardia grande protagonista - ha sottolineato Superti - consente di assegnarci grandi obiettivi per la programmazione europea 2021-2027». 

«La macroregione alpina delle Regioni che si affacciano sulle Alpi ci ha indotto a costruire una macrostrategia che intende costruire le condizioni per la Programmazione 2021-2027, puntando su azioni condivise in materia di mobilità, infrastrutture e green economy. Una delle nostre priorità è sostenere start-up di giovani, con l'obiettivo di rilanciare l'attrattività delle aree interne» ha spiegato Superti.

La semplificazione

«La Lombardia - ha aggiunto il vicesegretario generale - è l'unica Regione italiana ad avere un piano strategico concepito attraverso le proposte formulate dagli stakeholder. Abbiamo cercato di sintetizzarle in 60 azioni che porremo in essere in via sperimentale per snellire le procedure».

«Inoltre, con la tecnologia “Blockchain” semplificheremo ulteriormente l'iter per le certificazioni e le dichiarazioni di chi prende parte ai bandi. Inizialmente e a livello sperimentale la applicheremo alla misura “Nidi gratis” e poi nei settori agricoltura e formazione. È chiaro che se arriverà l'Autonomia per la Lombardia sarà molto più semplice intervenire con successo in questi ambiti»  ha concluso Superti.

Potrebbe interessarti

  • Il Passo Gavia è riaperto ma sembra un fiume

  • Suor Dorina, da Sondrio a Superiora generale di 1600 consorelle

  • «È solo un arrivederci», dalla demolizione dell'oratorio spunta il saluto che commuove

  • L'annuncio di Trenord: «Più treni tra Tirano e Milano»

I più letti della settimana

  • Grosio, caduta fatale da una scala: Ivano Negri non ce l'ha fatta

  • Valfurva, donna muore sul San Matteo

  • Il Passo Gavia è riaperto ma sembra un fiume

  • Domani riapre il Passo del Gavia

  • Furti in appartamento, ancora un colpo a Sondrio

  • Suor Dorina, da Sondrio a Superiora generale di 1600 consorelle

Torna su
SondrioToday è in caricamento