rotate-mobile
Sabato, 25 Giugno 2022
L'ordine del giorno

Alpini e molestie, la Lega: "Colpe di alcuni non infanghino la loro storia"

Il gruppo consiliare di Sondrio leghista presenterà un ordine del giorno per difendere l'associazione nazionale Alpini dopo le denunce seguite all'Adunata nazionale

Dopo che sono giunte varie segnalazioni di molestie nel corso dell'Adunata nazionale degli Alpini tenutasi a Rimini nelle scorse settimane e sono state anche formalizzate le prime denunce, non si placano nemmeno le polemiche e le prese di posizione.

Stavolta a schierarsi è il gruppo consiliare di Sondrio della Lega che, in occasione della seduta del prossimo consiglio comunale a palazzo Pretorio, presenterà un ordine del giorno in difesa dell'associazione nazionale Alpini.  "Facendo la doverosa premessa che chi commette un reato odioso come molestare una donna deve risponderne sempre davanti alla giustizia, il gruppo consiliare di Sondrio della Lega ha presentato un ordine del giorno a sostegno del glorioso corpo degli Alpini, un pezzo di storia del nostro territorio e di ognuno di noi. - ha spiegato il referente provinciale valtellinese del Carroccio, Lorenzo Grillo della Berta - Le colpe di alcuni singoli non possono infangare la storia di un corpo di cui ogni italiano puo' solo che essere orgoglioso. Gli Alpini, infatti, sono una risorsa anche in tempo di pace, con il loro lavoro incessante durante le emergenze ambientali, durante la pandemia e in tante altre occasioni".

Per questo, come detto, la Lega, per il prossimo consiglio comunale di Sondrio, previsto il 27 maggio ha presentato un ordine del giorno per impegnare la giunta a esprimere la propria vicinanza all'associazione nazionale Alpini, "riconoscendone - ha concluso Della Berta - la valenza sociale, culturale, popolare e identitaria impegnandosi a partecipare all'annuale adunata dando della manifestazione adeguata promozione sul proprio territorio".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alpini e molestie, la Lega: "Colpe di alcuni non infanghino la loro storia"

SondrioToday è in caricamento