menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Fiorello Provera candidato sindaco di Sondrio: le sue parole

Provera: "Questa mia candidatura nasce dalla gente"

«Ho deciso di mettere a disposizione dei miei concittadini l’esperienza e le relazioni nazionali e internazionali maturate in tanti anni di vita politica e amministrativa. Non è stata una decisione facile né rapida perché so bene quali sono i problemi reali e le aspettative che tutti condividiamo per la nostra città capoluogo al centro delle Alpi».

«Sappiamo che le risorse finanziarie sono limitate rispetto alle necessità ed è quindi indispensabile attivare meccanismi complementari agli attuali per rispondere ai bisogni sociali di una comunità che cambia e per disegnare un futuro ambizioso, proiettato oltre il nostro territorio, verso l’Europa e il mondo. L’occupazione giovanile, l’assistenza agli anziani, la sanità, l’impoverimento progressivo dell’economia e, in generale, la scarsa fiducia per il futuro sono alcuni dei passi difficili da affrontare. Nessuno, però, può compierli con successo da solo senza la collaborazione di persone oneste, competenti e capaci al servizio della comunità. Più di tutto, e soprattutto, è fondamentale il contributo delle associazioni, delle categorie produttive e dei singoli cittadini per segnalare problemi e possibili soluzioni. Tutti vogliamo una nuova Sondrio: più viva, più attiva, più propulsiva e aperta al mondo ma dobbiamo noi per primi credere nelle sue potenzialità. Sono le persone determinate e motivate, uomini e donne, giovani e meno giovani, pronte a mettersi in gioco e lavorare insieme che possono realizzare grandi progetti e trasformare i sogni in realtà. Non si governa con le buone idee ma con le buone idee messe in pratica: io credo di averne alcune e vorrei condividerle con chi pensa che Sondrio meriti di più, che tutti noi meritiamo di più. Alcuni progetti sono innovativi, attenti ai bisogni sociali, al progresso tecnologico e aperti al mondo. Li illustrerò nel corso della campagna elettorale e sono comunque disponibile ad ascoltare nuovi contributi per capire meglio i bisogni della nostra città».

«Questa mia candidatura nasce dalla gente, dai molti amici che mi hanno chiesto di mettermi al servizio della comunità: lo faccio con umiltà perché ritengo di avere un debito di riconoscenza nei confronti di chi mi ha accolto con calore e generosità e che mi ha sostenuto per tanti anni nella mia esperienza politica e istituzionale. Sono certo che un nuovo futuro per Sondrio è possibile: costruiamolo insieme».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento