rotate-mobile
Sabato, 3 Dicembre 2022
la presentazione

Turismo, il futuro di Sondrio tra Olimpiadi e grandi eventi

Presentato il nuovo "Piano Strategico del Turismo". Il sindaco: "Con questo documento vogliamo passare alla soluzione dei problemi con delle ipotesi d'intervento". Le proposte della società PKF hospitality

La città di Sondrio si è dotata di un piano strategico del turismo. Uno strumento puntuale, redatto dalla società di consulenza PKF hospitality group del sondriese di nascita Giorgio Bianchi, presentata alla stampa e alle autorità nella mattinata di martedì 18 ottobre 2022. 

"Con questo documento vogliamo passare alla soluzione dei problemi con delle ipotesi d'intervento. Metteremo questo documento a disposizione di tutti gli enti che fossero interessati a prenderne visione e condividerlo. Il piano è di respiro provinciale, 'tocca' soprattutto la Media e la Bassa Valtellina. Può essere utile a tutte le amministrazioni. Mi auguro che sapremo agire in maniera coordinata, anche in vista delle Olimpiadi del 2026. Avevamo chiesto un documento pragmatico e concreto che potesse  dare indicazioni operative", ha dichiarato ad inizio presentazione il sindaco del capoluogo, Marco Scaramellini.

"Il piano strategico è il passaggio logico successivo rispetto al report mandamentale su Sondrio e la Valmenleco commissionato al professore Serati. Abbiamo sentito il bisogno di declinarlo su quelle che riteniamo le specificità della nostra città, i cinque assi di sviluppo. Il piano sarà la base per la costruzione degli eventi futuri della nostra città", ha aggiunto l'assessore al Turismo, Michele Diasio. 

Il piano 

Come spiegato dallo stesso Giorgio Bianchi, il "Piano Strategico del Turismo" ha l'obiettivo di ridefinire la programmazione della città di Sondrio e l'intenzione di creare una visione omogenea in tema di turismo e cultura, facendo in modo che la città possa esser percepita come una vera destinazione turistica. Per fare ciò il piano offre un insieme di riferimenti tramite cui gli operatori del turismo si possano muovere in modo coerente e coordinato.

Da un punto di vista metodologico il nuovo documento strategico è costruito sull'acquisizione di informazioni sia di tipo qualitativo che di tipo quantitativo per la definizione dei fattori competitivi e dei pilastri della strategia di sviluppo (sport, eventi, cultura, enogastronomia e sostenibilità). Ampio, inoltre, il coinvolgimento di diversi attori del settore turistico, locali e non.

Le proposte

Per quanto riguarda lo sport, le idee di sviluppo condivise da PKF hospitality group sottolineano l'importanza degli impianti. Fondamentale perciò la creazione e la riqualificazione dei luoghi sportivi della città, soprattutto per quanto riguarda gli sport di squadra. Inoltre il piano suggerisce la creazione di eventi sportivi in bassa stagione.

Programmazione, condivisione e promozione di un calendario annuale di eventi sul sito del Comune di Sondrio è stato invece suggerito per "risollevare" le manifestazioni in Valtellina e nel Sondriese. Strategiche, inoltre, sono viste la creazione di un ulteriore grande evento e l'organizzazione, in concomitanza alle manifestazioni più grandi, di altre collaterali.

In ambito culturale le proposte riguardano la valorizzazione dei beni paesaggistici e culturali attraverso il coinvolgimento attivo di cittadini ed enti, come per esempio università, fondazioni e consorzi. Per l'enogastronomia il grande riferimento è il lavoro svolto dalle Langhe negli ultimi 30 anni. In quest'ottica la società di Giorgio Bianchi vede come ipotizzabile l'istituzione di un distretto di "food&wine" in provincia di Sondrio.

Infine, per quanto riguarda la sostenibilità, il suggerimento  - soprattutto - è quello di incentivare la mobilità green e l'ammodernamento dell'illuminazione pubblica. Tra le proposte trasversali vi sono, tra le altre, quelle relative all'istituzione di alcuni ambassador locali, la creazione di un'app multilingue, la sinergia tra pubblico-privato ed il sostegno ad una ricettività diffusa.

Presentazione Giugno Piano Strategico del Turismo Città di Sondrio (3)-2

Illustrato il Piano sono intervenuti il presidente del Consorzio Tutela Vini di Valtellina Danilo Drocco, che ha esortato a rendere il territorio ancora più bello, Sergio Schena, componente della Fondazione Milano Cortina 2026, che ha evidenziato la necessità di delineare una strategia ben definita in vista delle Olimpiadi, e il segretario generale della Camera di Commercio di Sondrio Marco Bonat, che si è soffermato sul nuovo marchio Valtellina, un tema sostanziale per la promozione. La chiosa finale del sindaco Scaramellini è un auspicio che ne racchiude molti: "Guardare avanti, costruire mattone dopo mattone, cogliere le molte opportunità che il territorio offre partendo dalle proposte contenute in questo Piano che
chiunque può integrare".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turismo, il futuro di Sondrio tra Olimpiadi e grandi eventi

SondrioToday è in caricamento