rotate-mobile
Vicenda surreale / Fusine

Era il carro funebre con la salma di Manuela Spargi l'auto bloccata sul Passo Dordona

L'errore del navigatore ha ingannato l'autista. Nessuno ha avvertito la famiglia che attendeva proprio la salma a Milano per i funerali

Era il carro funebre che trasportava la salma di Manuela Spargi, morta tragicamente a Colico cadendo nel lago con la sua auto nei pressi dell'abbazia di Piona per una manovra sbagliata, il mezzo che nel pomeriggio di ieri è rimasto bloccato a causa della neve sul Passo Dordona, tra le province di Bergamo e Sondrio.

Il carro funebre avrebbe dovuto raggiungere la chiesa di San Leonardo Murialdo a Milano dove i familiari e i cari di Manuela Spargi attendevano numerosi la sua salma per riservare alla donna l'ultimo saluto. L'autista del mezzo, un uomo di 37 anni, a causa di un errore del navigatore invece di imboccare la superstrada del Lago di Como e dello Spluga verso Milano, si è diretto verso Sondrio. Successivamente si è immesso su una strada solitamente chiusa in inverno che porta al passo Dordona, nel Comune di Fusine. Proprio qui è rimasto bloccato dalla tormenta di neve e con il telefono senza campo.

L'uomo ha quindi lasciato il mezzo funebre e percorso quasi dieci chilometri a piedi verso un rifugio, dove ha chiesto aiuto. Il 37enne è stato poi accompagnato a valle, a Foppolo, e poi trasportato in ospedale per accertamenti in ambulanza.

Il mezzo è stato invece recuperato in seguito dai vigili del fuoco. Mentre, però, questa vicenda al limite del surreale aveva luogo, però, nessuno ha avvisato i familiari di Manuela Spargi che sono rimasti invano in chiesa ad attendere la salma della loro congiunta. Comprensibile il loro disappunto e la loro rabbia. I funerali sono stati rinviati. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Era il carro funebre con la salma di Manuela Spargi l'auto bloccata sul Passo Dordona

SondrioToday è in caricamento