rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Nuove rimostranze / Montagna in Valtellina

Gravi conseguenze per i cittadini e le attività produttive: petizione contro il cavalcavia in località Trippi

L'iniziativa motivata dal fatto che il progetto non è stato modificato nonostante le numerose critiche già evidenziate

Non piace ai cittadini (e non solo a loro) il progetto del nuovo cavalcavia in località Trippi, opera ritenuta strategica in vista delle Olimpiadi invernali di Milano-Cortina 2026. Già nei mesi scorsi sono state numerose le critiche e le osservazioni all'intervento, il cui impatto ambientale è ritenuto eccessivo anche e soprattutto in confronto ai reali benefici che porterà alla circolazione stradale e ai termini di traffico, ma ora che, lo scorso 13 dicembre,è stata pubblicata la comunicazione di avvio della valutazione di impatto ambientale (Via), è sorta un'altra iniziativa da parte dei cittadini che hanno promosso una petizione contro il progetto del cavalcavia.

Proprio dalla valutazione di impatto ambientale, infatti, si evince come il progetto stesso non sia stato modificato dal committente, il quale si è limitato a parziali revisioni delle bozze iniziali. Cambiamenti, però, che secondo i promotori della petizione stessa hanno persino peggiorato i contenuti progettuali. Siamo "preoccupati - si legge nella petizione - e contrari alla realizzazione del progetto che produrrà gravi conseguenze per i residenti di Montagna Piano e per le attività produttive che affacciano lungo via Stelvio. Il cavalcavia Trippi, insieme alla rotatoria prevista in via Europa, a detta di diverse persone competenti in materia di traffico, non porterà benefici significativi allo scorrimento dei veicoli in transito, con un sicuro peggioramento del traffico lungo le vie interne della frazione".

"Ma la cosa più grave, e non serve essere ambientalisti per capirlo, - proseguono i promotori - su cui non possiamo proprio tacere è la parziale tombatura del torrente Davaglione, scelta sconsiderata e inammissibile se si pensa ai tragici eventi alluvionali che hanno interessato diverse regioni nel 2023. Si chiede pertanto una seria revisione del progetto, che tenga in debita considerazione le istanze dell'amministrazione comunale e dei cittadini che sin qui, è il caso di dirlo, non sono mai stati ascoltati".   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gravi conseguenze per i cittadini e le attività produttive: petizione contro il cavalcavia in località Trippi

SondrioToday è in caricamento