rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
Prova generale

Corsa campestre, tre atleti della provincia di Sondrio sognano gli Europei

Matteo Bardea, Cristina Molteni e Giovanni Zugnoni si sono cimentati nel "J Medical La Mandria Cross" sullo stesso percorso della rassegna continentale del prossimo 11 dicembre con l'obiettivo di guadagnarsi una convocazione in maglia azzurra

Sì è disputata la prima edizione del J Medical La Mandria Cross, prova generale in vista degli Europei di corsa campestre, organizzata su un percorso che ricalca quasi totalmente quello che assegnerà le medaglie continentali fra tre settimane, domenica 11 dicembre, al Parco La Mandria.

Ed i pretendenti, dopo la prova di selezione al Cross della Valsugana, si sono nuovamente sfidati per ipotecare la convocazione. I n lizza anche 3 atleti della provincia di Sondrio: l'azzurrino di corsa in montagna Matteo Bardea, malenco accasato all'Atletica Valle Brembana, la valchiavennasca Cristina Molteni, anche lei alla corte del presidente Ferrari, e il figlio d'arte Giovanni Zugnoni (GP Santi). Tre atleti in tre categorie diverse, tre giovani promesse dell'atletica valtellinese e valchiavennasca con un sogno nel cassetto che si chiama "maglia azzurra".

I piazzamenti

Nella categoria Assoluti femminili, Cristina Molteni ha chiuso in decima posizione con il tempo di 29'38", riscontro cronometrico che le è valso anche il quarto posto tra le Under 23; sempre tra gli Assoluti, ma a livello maschile, Giovanni Zugnoni ha ottenuto il 41° posto.

Infine, nella categoria Under 20 maschile, Matteo Bardea, reduce dal titolo regionale a staffetta conquistato con i compagni dell'Atletica Valle Brembana, così come accaduto alla compagna di squadra Cristina Molteni, ha sfiorato il podio, chiudendo in quarta posizione con il tempo di 19'02", preceduto di un solo secondo da Nicolò Cornali, salito proprio sul gradino più basso del podio.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corsa campestre, tre atleti della provincia di Sondrio sognano gli Europei

SondrioToday è in caricamento