rotate-mobile
Giovedì, 7 Dicembre 2023
Scelta nella giusta direzione

Treni e disservizi: "Bene la scelta del tavolo istituzionale di confronto"

La Cisl di Sondrio accoglie favorevolmente la decisione del consiglio comunale di Sondrio di stimolare ulteriormente il Prefetto nell'affrontare la questione e risolvere i problemi della linea Tirano-Milano

La Cisl di Sondrio accoglie favorevolmente la notizia della richiesta, condivisa all'unanimità dal consiglio comunale di Sondrio e rivolta alla locale Prefettura, relativa alla costituzione di un tavolo istituzionale che affronti la tematica del trasporto delle persone sulle nostre linee ferroviarie che, come è noto, presenta continui disservizi con conseguenti enormi disagi per coloro che utilizzano il treno.

La richiesta, condivisa dal consiglio comunale di Sondrio, di fatto, rimarca l'appello che la Cisl di Sondrio rivolge da oltre un anno alle istituzioni locali circa la necessità di un tavolo tecnico che veda coinvolti i soggetti interessati alla tematica, quali associazioni e istituzioni congiuntamente ai tecnici di Trenord ed Rfi, al fine di fare il punto sulla situazione riguardo: le circostanze che determinano i continui guasti, gli interventi che si intendono fare e, soprattutto, la tempistica degli interventi da attivare per porre fine o, quantomeno, limitare i disagi che affliggono quasi quotidianamente i viaggiatori sulle nostre linee ferroviarie.

La Cisl di Sondrio sostiene da tempo la necessità di affrontare la situazione attraverso un “tavolo tecnico” che, partendo dalla situazione di crisi attuale, realizzi un vero e proprio “piano industriale”, analizzando e approfondendo tre ambiti di intervento che, a parere della CISL, sono:

  • gli interventi sull'infrastruttura ferroviaria, intesa quale strada ferrata e impianto di elettrificazione, interventi attualmente in corso che vedono periodicamente l'interruzione della linea, anche per lunghi periodi come avvenuto nelle ultime due stagioni estive;
  • le soppressioni dei passaggi a livello, previste e finanziate dal piano complessivo delle opere per le olimpiadi. Peraltro, il malfunzionamento dei passaggi a livello è una costante  che determina frequentemente il ritardo, se non, addirittura, la soppressione del treno.
  • l'innovazione del materiale rotabile, ossia la messa in servizio di treni nuovi che sostituiscano i vecchi convogli che troppo spesso si guastano anche per via della loro vetustà. A tal proposito è da rilevare che era prevista, per il corrente anno 2023, la messa in servizio sulle nostre linee di circa 20 nuovi treni “Donizetti”, ma, al momento, sembrerebbe esserci un rinvio quantomeno al prossimo anno.

La Cisl di Sondrio auspica, pertanto, che l'istituzione di un tavolo tecnico provinciale sulle attuali carenze del trasporto ferroviario nella nostra provincia possa trovare accoglimento in tempi brevi da parte della Prefettura, ponendo in tal modo l'attenzione sull'attuale situazione di crisi per condividere soluzioni e, soprattutto, dare informazioni sui tempi che occorrono per arrivare almeno ad una situazione di normalità.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treni e disservizi: "Bene la scelta del tavolo istituzionale di confronto"

SondrioToday è in caricamento