Da Asconfidi Lombardia un sostegno agli alberghi condizionati dal fallimento dell’agenzia di viaggi Thomas Cook

Dal Sistema Confcommercio lombardo un segno di attenzione per fronteggiare i mancati incassi subiti

Asconfidi Lombardia, su iniziativa di Confcommercio Lombardia e a favore del sistema alberghiero lombardo, mette a disposizione una nuova Linea di finanziamenti, con tempi brevi di erogazione e a tasso agevolato, destinati alle attività ricettivo/alberghiere sul territorio lombardo e delle province di Verona e di Novara.

Il Sistema Confcommercio lombardo, consapevole degli ingenti danni e del disagio derivante dal fallimento dell’agenzia di viaggi britannica Thomas Cook, intende così dare un segno di attenzione e un primo contributo fornendo alle imprese richiedenti l’opportunità di ricevere liquidità destinata a fronteggiare i mancati incassi subiti.

Le condizioni di finanziamento prevedono:

  • importo massimo erogabile: € 30.000;
  • tasso di interesse: 3%* oltre imposte ed eventuali oneri di garanzia territoriale;
  • modalità di rimborso: durata massima 60 mesi con eventuale preammortamento di 1 anno.

(*) previa verifica delle seguenti condizioni: impresa con adeguato merito creditizio, con operatività da almeno 3 anni e fatturato 10 volte superiore alla richiesta di finanziamento.

Gli uffici di Sofidi/Asconfidi sono a disposizione per richieste di informazioni e per accogliere le domande di finanziamento (tel. 0342-533330; e-mail: info@sofidi.it).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Livigno: nasconde 84 litri di superalcolici nel camper ma viene fermato alla dogana in Valposchiavo

  • Morto un anziano intossicato in un incendio a Traona

  • Quanto costa la droga in Valtellina?

  • Morbegno in cantina: vigile sale su auto in corsa per fermare un ubriaco entrato nella "zona rossa"

  • Giardini del centro proibiti e acqua per pulire l'urina: nuove regole a Sondrio per i proprietari dei cani

  • Ruinon, buone notizie per la Valfurva: lunedì iniziano i lavori per il ripristino della strada provinciale

Torna su
SondrioToday è in caricamento