rotate-mobile
Mercoledì, 28 Febbraio 2024
Festeggiamenti esagerati

Troppo alcool e qualche rissa: un Capodanno sopra le righe in provincia di Sondrio

Numerosissimi gli interventi dei soccorritori di Areu dalla serata di ieri e fino all'alba di oggi. In molti casi coinvolti giovanissimi

Nel corso della notte di San Silvestro, si sa, si festeggia e si brinda all'arrivo del nuovo anno. Una piacevole e gioiosa tradizione, ma qualcuno ha decisamente alzato troppo il gomito e ha avuto bisogno dell'intervento del personale sanitario di Areu che nella notte e fino alle prime luci del mattino è stato impegnato su tutto il territorio provinciale per soccorrere persone, spesso giovanissime, che avevano esagerato con l'alcool.

E' durato davvero poco, ad esempio, il Capodanno di un 18enne ad Aprica per il quale già all'1 è stata allertata l'ambulanza che l'ha poi trasportato, per fortuna in codice verde, all'ospedale di Edolo dove il giovanissimo ragazzo è giunto pochi minuti dopo le 2. Intanto, a Livigno, poco dopo l'1,30, anche un ragazzo di 19 anni ha avuto bisogno dell'intervento dell'ambulanza per aver bevuto troppo: il giovane, soccorso in codice giallo, è stato poi trasportato al presidio sanitario livignasco dove è giunto intorno alle 2,30 quando le sue condizioni erano già migliorate.

Alle 2,40 altra uscita di un'ambulanza per una donna ubriaca, questa volta a Valfurva: i soccorsi sono scattati in codice giallo e i sanitari si sono occupati della donna stessa in loco senza che poi si rendesse comunque necessario il trasporto in ospedale. Alle 3,25, invece, hanno destato molta più preoccupazione le condizioni di un ragazzo di 20 anni, soccorso in pratica alle soglie del coma etilico a Valdisotto. I soccorsi sono infatti scattati in codice rosso, quello di massima gravità e in loco, in località Bucellina sono giunte un'ambulanza e un'auto medica il cui personale a bordo si è subito occupato del giovane che si è fortunatamente ripreso tanto da giungere poi all'ospedale Morelli di Sondalo pochi minuti prima delle 5 in codice verde.

Stessa sorte per una 21enne ad Aprica, sempre attorno alle 3,30: soccorsa in codice rosso da un'ambulanza sempre per aver ingerito troppo alcool, è stata poi trasportata in codice verde all'ospedale di Edolo, dove è giunta alle 5 di questa mattina.

Codice giallo, invece, attorno alle 4,25 per un ragazzo di 18 anni ubriaco a Bormio: il giovane è stato soccorso in codice giallo da un'ambulanza e poi trasportato in ospedale a Sondalo, dove è giunto un paio di ore dopo. Ultimo intervento per giovani ubriachi da parte dei soccorritori di Areu alle 5,41 a Valdidentro dove è stato un 20enne ad avere bisogno delle cure del personale medico, allertato in codice giallo. Il ragazzo è poi stato trasportato in codice verde all'ospedale di Sondalo, dove è giunto attorno alle 7.

Le risse

Non sono mancati nemmeno eventi violenti, "favoriti" anch'essi dall'eccessivo consumo di alcool: a Tirano, pochi minuti prima delle 3 a subire un aggressione e ad avere bisogno delle cure del personale sanitario (ma non del trasporto in ospedale) è stato un uomo di 40 anni per il quale i soccorsi sono stati allertati in codice giallo.

Un'ora prima ad Aprica, invece, nel corso di una rissa era stato un ragazzo di 23 anni ad avere la peggio: per lui i soccorsi sono giunti in codice giallo e il giovane è stato poi trasportato all'ospedale di Edolo, dove è giunto in codice verde alle 3.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppo alcool e qualche rissa: un Capodanno sopra le righe in provincia di Sondrio

SondrioToday è in caricamento