Ponte in Valtellina: ai domiciliari l'uomo che è entrato in caserma con una pistola carica

Sul 48enne di Piateda pendono le accuse di lesioni, minacce, percosse e porto abusivo d’arma, tutti reati aggravati. Stralciata l'accusa di tentato omicidio

L'uomo che ha fatto irruzione nella caserma dei carabinieri di Ponte in Valtellina con una pistola carica, dopo che gli era stata ritirata la patente per troppo alcol, si trova agli arresti domiciliari. A deciderlo il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Sondrio.

La tragedia sfiorata

Su Paolo Gemelli, 48 anni e residente a Piateda, pendono le accuse di lesioni, minacce, percosse e porto abusivo d’arma, tutti reati aggravati, seppur si stata stralciata l'accusa di tentato omicidio inizialmente contestata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ritrovata senza vita nell'Adda la donna di Buglio in Monte scomparsa domenica

  • Sondrio in lutto per la morte di Stefania Barcio

  • Fusine, si cerca nell'Adda una 50enne scomparsa da casa

  • Covid, un nuovo focolaio nel reparto di Neurologia dell'ospedale di Sondrio

  • Tir carico di fieno prende fuoco in strada, attimi di panico sulla nuova SS38. Traffico deviato

  • Corruzione e truffa aggravata, nei guai ex primario del Morelli di Sondalo

Torna su
SondrioToday è in caricamento