rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Attualità

Protezione Civile, sindacati contro la Regione: "Scarica responsabilità su Province e volontari"

Lotta comune di Cgil, Cisl e Uil regionali: “Chiediamo una rapida e sostanziale modifica del progetto di legge 188”

"Regione Lombardia, per l’ennesima volta, prova a scaricare le funzioni delegate che lo Stato le ha assegnato, nella fattispecie sulla Protezione Civile, alle Province, ma senza che queste abbiano le dovute capacità assunzionali. Dopo il riassetto istituzionale, ovvero la incompiuta riforma Delrio, le amministrazioni provinciali si sono trovate con le gambe spezzate dai vincoli contabili e dal taglio alle risorse economiche e infrastrutturali". A denunciarlo, con un comunicato unitario, le segreterie regionali della funzione pubblica di Cgil, Cisl e Uil, esprimendo la forte contrarietà verso il progetto di legge 188 di Regione Lombardia che dispone in materia di Protezione Civile.

"Come Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl della Lombardia oggi siamo state audite dalla VI Commissione del Consiglio Regionale sul progetto di legge 188. In quella sede abbiamo espresso la nostra contrarietà allo scaricabarile: delegare alle Province lombarde gran parte delle funzioni istituzionali significa, da parte della Regione, abdicare al proprio ruolo e in un ambito che sta diventando sempre più strategico per via delle sempre più frequenti emergenze climatiche" fanno sapere i sindacati.

Per Cgil, Cisl e Uil è necessario un cambio. "Chiediamo che la norma venga cambiata anche su un altro punto, la messa al centro del volontariato, cioè della componente privatistica del sistema. Una scelta che va contro le norme nazionali e interferisce con ruoli pubblici e operativi. La Protezione civile è un servizio di pubblica utilità e, per quanto il supporto del personale volontario sia importante e utile, bisogna fare attenzione a delegare responsabilità su una funzione istituzionale che, interessando la vita delle persone, ha anche implicazioni penali".

Le richieste sono chiare e mirate. "Chiediamo pertanto una rapida e sostanziale modifica del progetto di legge oppure che Regione stessa, o attraverso apposite strutture istituzionali, eserciti la basilare funzione della Protezione Civile. Una funzione pubblica che va esercitata con una governance degna del ruolo e adeguate risorse umane, economiche e strumentali" concludono i sindacati.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Protezione Civile, sindacati contro la Regione: "Scarica responsabilità su Province e volontari"

SondrioToday è in caricamento