Attualità

Maltempo: acqua non potabile a Livigno e Valdidentro

Tante situazioni di criticità in Valtellina e Valchiavenna a causa del maltempo. Sfollati anche a Santa Caterina. Riaperta la SS38 tra Valdisotto e Bormio

Le forti piogge attese sono arrivate, facendo alzare il livello di guardia in tutta la provincia di Sondrio. Al momento la situazione più delicata è quella di Valdisotto dove l'acqua nell'Adda, all'altezza della confluenza del Frodolfo. Almeno una decina di abitanti della frazione di Santa Lucia sono stati precauzionalmente evacuati per l'esondazione avvenuta all'alba. Per lo stesso motivo la strada statale 38 "dello Stelvio" è stata chiusa al chilometro 99+800, all’altezza dell'abitato di Cepina, all'ingresso di Bormio. Il traffico è deviato sulla strada provinciale 27.


La zona allagata tra Adda e Frodolfo

371031638_2290191331165377_2722526794580738294_n

Nel Comune di Valfurva, a Santa Caterina, invece, l’esondazione del Frodolfo ha comportato l’allagamento di alcuni seminterrati di strutture alberghiere e, a scopo precauzione, 16 ospiti soggiornanti negli alberghi, sono stati evacuati e spostati in altre strutture.

Massima allerta anche a Livigno dove il sindaco, Remo Galli, con un'ordinanza ha chiuso la ciclabile lungo il torrente Spol. In Valchiavenna, al confine con la Svizzera, le autorità elvetiche hanno chiuso al traffico la H3 - Strada del Maloja e la Strada dello Spluga. Il Maloja è stato riperto verso le ore 11.

Anche Chiavenna ha chiuso le sue piste ciclo-pedonali lungo il fiume Mera. A Chiesa Valmalenco chiusi i ponti ciclabili sopra il Mallero. Anche il Passo San Marco, tra le province di Sondrio e Bergamo, è al momento chiuso.

Nella giornata di sabato, sempre in Valchiavenna c'era stato un cedimento su ghiacciaio Ferrè. Un grosso boato, ben udibile a distanza di chilometri, aveva fatto pensare al peggio a molti.A seguito dello smottamento i due torrenti Liro e Schisarolo si era fortemente ingrossati, facendo registrare un'anomala ondata di acqua e fango. Domenica una frana di piccole dimensioni era caduta nel territorio di Prata Camportaccio.

Aggiornamento delle ore 14,30

La sala operativa regionale della Protezione civile ha emanato una nuova allerta rossa per la provincia di Sondrio. L'indice di massima attenzione resta sul territorio della Valchiavenna.

Schermata 2023-08-28 alle 14.45.41

Aggiornamento delle ore 16

“Sono in continuo contatto con i comuni e con l’Unità territoriale regionale che sta monitorando costantemente la situazione ed operando sui territori. Le zone più colpite sono quelle di Bormio e Santa Caterina Valfurva e, in entrambi i casi, le forti precipitazioni sono intervenute proprio dove era già in corso un intervento regionale per l’asportazione del materiale inerte”. A dichiararlo è Massimo Sertori, assessore di Regione Lombardia a Enti locali, Montagna e Utilizzo risorsa idrica, in merito alla situazione di forte allerta meteorologica in provincia di Sondrio.

“I fatti accaduti in questi giorni - conclude l’assessore Sertori - non fanno altro che dimostrare ancora una volta la necessità di manutenzione ordinaria nei fiumi, con la rimozione di inerti e con il taglio della vegetazione. In questi anni  si sono stratificate una serie di norme regionali e nazionali che, ispirate ad un falso ambientalismo, rendono sempre più difficili queste pratiche che i nostri avi hanno sempre attuato e che devono essere assolutamente ripristinate. Proprio per questo abbiamo istituito un gruppo di lavoro, tra i vari assessorati regionali competenti, con l’obiettivo di individuare gli interventi legislativi atti alla semplificazione e, quindi, al ripristino delle buone pratiche e del buon senso”.

Aggiornamento delle ore 17

Poco prima delle ore 17 ANAS ha comunicato la riapertura della SS 38 in entrambi i sensi di marcia. Lo fa sapere la Prefettura di Sondrio.

Questi i valori di pioggia registrati negli ultimi tre giorni dai pluviometri della rete idro-meteo di Arpa Lombardia:

- 290 mm a Campodolcino - Alpe Motta (1880 m slm in Valchiavenna)

- 244 mm a San Giaco Filippo - Lago Truzzo (SO, in Valchiavenna)

Valori anche superiori ai 100 mm da inizio evento sono stati rilevati tra Lario, Orobie e Valtellina (193 mm a Rota D'Imagna (BG), 183 mm a Chiesa in Valmalenco (SO), 170 mm in Valdisotto Oga S. Colombano (SO) e 118 mm a Bormio.

Aggiornamento delle ore 18

In giornata il Prefetto di Sondrio, Roberto Bolognesi, ha convocato una riunione di protezione civile per fare il punto della situazione anche alla luce degli eventi che stanno interessando i Comuni di Valdisotto, Bormio e Valfurva.

Alla riunione, tenutasi sia in presenza sia in videoconferenza, hanno preso parte, oltre ai vertici delle Forze di Polizia, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco, il Presidente della Provincia, i rappresentanti dell’UTR di Regione Lombardia, di ARPA e della Protezione Civile Regionale, i Sindaci dei cinque Comuni capoluogo di mandamento e gli altrettanti Presidenti delle Comunità Montane e dell’ANAS.

Al termine della riunione il Prefetto, accompagnato dal Comandante provinciale dei Vigili del Fuoco si è recato nei Comuni di Bormio Valdisotto e Valfurva, per un sopralluogo sulle zone colpite dalle esondazioni.

8c512c14-a8ed-42a2-bf0f-37d191dfbd64
7720531b-2512-424c-b0eb-d830cae99584-2

Aggiornamento delle ore 19

A causa dei forti temporali in corso il sindaco di Livigno, Remo Galli, ha predisposto l'ordinanza di sospensione dell'uso potabile ed alimentare dell'acqua per tutte le utenze ubicate sul territorio di Livigno. Resta escluso dall'ordinanza il territorio di Trepalle. La disposizione resterà in vigore fino alle ore 17 di mercoledì 30 agosto 2023.

Un provvedimento analogo è stato preso dal sindaco di Valdidentro, Massimiliano Trabucchi, per gli abitati di Pedenosso, Sant'Antonio e Semogo.acqua 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltempo: acqua non potabile a Livigno e Valdidentro
SondrioToday è in caricamento