Rifugi alpini moderni e "pronti" al covid-19, al via il bando regionale di riqualificazione

L'assessore alla Montagna, Massimo Sertori: «Strumento importante che favorirà lo sviluppo e la promozione di forme di turismo eco-compatibile e valorizzerà sia la montagna lombarda sia la pratica sportiva in ambienti naturali, concorrendo alla ripresa economica e occupazionale dell'intero comparto»

Il Rifugio Zoia in Valmalenco (foto fb)

A partire da domani, venerdì 15 maggio, i gestori o i proprietari dei rifugi alpinistici ed escursionistici presenti nel territorio lombardo, potranno presentare domanda per ottenere un contributo a fondo perduto per sostenere interventi di riqualificazione delle strutture presenti nel territorio regionale lombardo e iscritte all'elenco regionale del 2018, valorizzando così il patrimonio naturalistico e ambientale della montagna di Lombardia.

L'obiettivo

"Al fine di dare risposte alle istanze dei territori e delle comunità di montagna - spiega l'assessore agli Enti locali e Montagna Massimo Sertori - abbiamo puntato a migliorare la gestione sostenibile e l'accessibilità dei rifugi lombardi. In particolare, il bando metterà a disposizione risorse per interventi connessi all'emergenza sanitaria dovuta alla diffusione del Covid-19, interventi di innovazione tecnologica e riqualificazione anche ai fini della sicurezza dei fruitori e interventi per l'abbattimento delle barriere architettoniche".

La dotazione finanziaria del bando è pari a 1,9 milioni di euro. Per la realizzazione dei progetti ritenuti ammissibili, il relativo contributo in conto capitale a fondo perduto è concepibile nei limiti delle risorse disponibili nella misura massima dell'80% dei costi. Il bando prevede inoltre che l'entità del contributo massimo sia pari a 100.000 euro a fronte di un costo complessivo dell'intervento pari ad almeno 125.000 euro. Non saranno ammissibili e finanziabili quegli interventi che prevedono un costo inferiore a 7.000 euro. Gli interventi dovranno essere realizzati entro il 31 ottobre 2021.

Le domande

Le domande dovranno pervenire obbligatoriamente per mezzo del Sistema Informativo Bandi online (www.bandi.servizirl.it) a partire dalle ore 10 del 15 maggio 2020, sino al 15 giugno entro le ore 12. "Nonostante le difficoltà legate all'emergenza sanitaria - commenta Sertori - insieme agli uffici dell'assessorato di cui sono a capo, abbiamo definito tempi rapidi per le istruttorie".

"Questo bando - ha aggiunto - fortemente voluto da Regione Lombardia e atteso dagli operatori, costituisce uno strumento importante che favorirà lo sviluppo e la promozione di forme di turismo eco-compatibile e valorizzerà sia la montagna lombarda sia la pratica sportiva in ambienti naturali, concorrendo alla ripresa economica e occupazionale dell'intero comparto".

"I rifugi - ha concluso - rappresentano un presidio importante e un punto di riferimento per la sicurezza di chi percorre e vive le nostre montagne. Regione Lombardia si dimostra con i fatti al fianco dei 'rifugisti', veri e storici custodi della montagna e, ancora una volta, dopo aver annunciato un provvedimento è riuscita a concretizzarlo".

Tipologie d'intervento

Interventi legati all'emergenza sanitaria Covid-19; locali adibiti al pernottamento; apparati per la produzione di energia da fonti rinnovabili e interventi per l'efficientamento energetico (produzione di energia idroelettrica funzionale all'esercizio del rifugio, produzione di energia fotovoltaica, di energia con impianti microeolici, riscaldamento acqua e aria mediante solare termico o altri sistemi basati su fonti rinnovabili, acquisto sistemi di accumulo, opere per miglioramento energetico); opere e impianti funzionali all'approvvigionamento idrico (sistema di filtrazione e potabilizzazione delle acque, collegamenti per approvvigionamento idrico, opere di presa per approvvigionamento acqua e per recupero acque piovane); messa in sicurezza dell'area di approdo e decollo di piazzole di elisuperfici occasionali per l'atterraggio di mezzi di soccorso; interventi per approvvigionamenti di materiali; opere per lo smaltimento delle acque reflue; Locali adibiti a servizi igienici; opere funzionali alla raccolta differenziata; prevenzione degli incendi e adeguamento sistemi di sicurezza; messa in sicurezza degli immobili; interventi finalizzati ad accessibilità disabili; acquisto e installazione di attrezzature per le telecomunicazioni quali sistemi per collegamento dati in banda larga e apparecchiature radio e telefoniche, tali da consentire anche collegamenti con le stazioni di soccorso alpino e organi di pronto intervento; acquisto e installazione di apparati tecnologici per la promozione turistica (quali webcam e stazioni meteo); acquisto e installazione sistemi di pagamento elettronici e registratori di cassa telematici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Saranno finanziabili anche gli interventi finalizzati ad adeguare le strutture e gli impianti a prescrizioni imposte dalla normativa vigente (Impianti elettrici, Impianti di riscaldamento, Impianti idraulici); interventi di fornitura di arredi funzionali al solo pernottamento con utilizzo di materiali tipici, ecosostenibili, rispondenti della normativa
vigente, coinvolgendo ove possibile per la fornitura le imprese del territorio; interventi di manutenzione straordinaria e ristrutturazione dell'immobile principale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Coronavirus, lunedì si decidono le sorti della Lombardia: lo spettro del lockdown

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Coronavirus, focolaio nel pronto soccorso di Livigno: contagiati infermieri e autisti

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Coronavirus, al Morelli di Sondalo la situazione si fa seria

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento