Rafting, più di 50 atleti hanno conquistato il fiume Adda nel weekend

Benedetto Del Zoppo: «Vorrei portare più equipaggi possibili perché è un modo per cominciare a crescere gli azzurri sul lungo periodo, in vista dell’appuntamento olimpico del 2024».

Questo fine settimana si è svolto il primo raduno agonistico organizzato dalla Federazione Italiana Rafting (FIRAFT) per la stagione 2020, sotto l’occhio e le direttive del CT azzurro Paolo Benciolini con l’aiuto degli allenatori: Elena Bragastini e Felix Pirhofer. Il tutto grazie al supporto di Benedetto Del Zoppo del centro rafting Indomita Valtellina River di Castione Andevenno.

Nella due giorni si sono alternati sul fiume Adda tra Chiuro, Sondrio e Castone Andevenno oltre 50 atleti di tutte le categorie.

Il commissario tecnico coadiuvato dai suoi assistenti ha studiato l’operato di diversi equipaggi R4 e ne ha composti alcuni in vista dei prossimi raduni preparatori per le gare internazionali.

«Il fiume Adda è ottimale per i diversi livelli di difficoltà, sia per i più giovani che per i più esperti» ha affermato il responsabile sportivo della FIRAFT Benedetto Del Zoppo.

«A partire da quest’anno - continua Del Zoppo - il rafting entra nelle Paralimpiadi, e nel 2024 dovrebbe essere considerato definitivamente sport olimpico. In Valtellina si è allenato in questi giorni anche un equipaggio per le Paralimpiadi. Tanti i progetti in campo per diventare sempre più un centro di riferimento permanente per la federazione italiana». 

Tappa ormai solita quella valtellinese per gli allenamenti, grazie alla bellezza del fiume che ricordiamo ospiterà dal 7 al 12 Luglio i campionati europei.

Conclude il responsabile sportivo: «Vorrei portare più equipaggi possibili perché è un modo per cominciare a crescere gli azzurri sul lungo periodo, in vista dell’appuntamento olimpico del 2024». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il club dei padroni di casa “Indomita Valtellina River” può vantare anche nel 2019 il primo posto nella classifica italiana, diventando così un team di riferimento per l’attività rafting, sia agonistico che commerciale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, come è facile ammalarsi. La storia del chirurgo del Morelli che spiega quanto è alto il rischio di contagio

  • La grave denuncia della Croce Rossa di Morbegno: «La gente ci nasconde i sintomi da coronavirus»

  • Sorico piange Emanuele, infermiere all'ospedale di Gravedona

  • Coronavirus, quasi 500 i contagiati in provincia di Sondrio. La mappa interattiva comune per comune

  • Delebio in lutto per la morte di Gianni

  • Coronavirus, anche in provincia di Sondrio il tampone si fa in auto. Come funziona

Torna su
SondrioToday è in caricamento