rotate-mobile
Continua la protesta / Cosio Valtellino

Galbusera: prosegue lo sciopero dei lavoratori dello stabilimento di Cosio

Dopo l'adesione massiccia di questa settimana, per la prossima i sindacati hanno indetto altri quattro giorni di stato d'agitazione

Prosegue lo sciopero e lo stato d'agitazione dei lavoratori dello stabilimento Galbusera di Cosio Valtellino: proprio i lavoratori già in questa settimana hanno aderito in massa alla protesta, promossa dalle associazioni sindacali, senza, però, che quest'ultima determinasse una reazione e un passo incontro da parte dell'azienda verso le rivendicazioni dei dipendenti.

Ecco quindi, che anche per la prossima settimana sono stati proclamati quattro ulteriori giorni di sciopero, dal 3 al 6 luglio in cui i lavoratori giornalieri a tempo pieno e part time si asterranno dalla prestazione lavorativa nelle prime 2 ore di lavoro, mentre i lavoratori turnisti tempo pieno e part time si asterranno dalla prestazione lavorativa nelle prime 2 ore di lavoro del proprio turno (mattino - pomeriggio - notte). Viene inoltre convocata l’assemblea di tutti i lavoratori per il giorno venerdì 7 luglio dalle 12.00 alle 13.00, dalle 13.00 alle 14.00 e dalle 19.00 alle 20.00. 

"Purtroppo ad oggi nessun segnale di attenzione arriva dall’azienda - questo il commento delle organizzazioni sindacali - Questo ci dispiace, perché non si sciopera mai a “cuor leggero”, ma quando da tempo si segnala il disagio crescente dentro lo stabilimento per un modello del lavoro precario, stressato anche da una grande distribuzione che detta regole esclusivamente legate al risultato economico, a cui però l’industria alimentare si adegua esclusivamente esasperando la flessibilità del lavoro, senza tenere conto delle ricadute sui lavoratori che tutto ciò genera, si ha il dovere di intervenire. Dispiace perché rimanere indifferenti di fronte ad una così importante manifestazione di disagio e sofferenza è sbagliato, sempre".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Galbusera: prosegue lo sciopero dei lavoratori dello stabilimento di Cosio

SondrioToday è in caricamento