rotate-mobile
Economia

Banca Popolare di Sondrio, Pedranzini e Venosta scrivono ai soci dopo il primo semestre

La tradizionale lettera di metà anno del consigliere delegato e del presidente di BPS: "La nostra Banca ha a cuore le necessità delle persone, delle famiglie, del variegato mondo imprenditoriale"

In conclusione del primo semestre, la Banca Popolare di Sondrio ha inviato ai suo 156.500 soci la lettera di metà anno. Una comunicazione per fare il punto della situazione, sia a livello globale che a livello nazionale, e tracciare gli scenari futuri. Una lettera che porta la firma del consigliere delegato e direttore generale, Mario Alberto Pedranzini, e del presidente, Francesco Venosta. Con la missiva sono raggiunti anche gli "amici" della BPS. Vi proponiamo di seguito le due lettere.

Egregio Socio, caro Amico,

nella prima metà del corrente anno l’attività economica mondiale ha progressivamente perso vigore. La Cina, che aveva iniziato il 2023 con una produzione industriale in preoccupante discesa, dopo aver eliminato ovunque i lockdown per Covid, ha mostrato segni di decisa ripresa, per poi tornare a una crescita moderata. Negli Stati Uniti d’America la dinamica del PIL si è mantenuta modesta.

Quanto all’Eurozona, il ribasso dei costi energetici ha favorito la tenuta dell’economia, sia pure in maniera insoddisfacente. La contrazione dei consumi, dovuta principalmente all’insicurezza innescata dal prosieguo della guerra russo–ucraina, è stata piuttosto marcata. L’inflazione è un po’ rientrata, anche per effetto dei ripetuti incrementi dei tassi d’interesse da parte della BCE.

L’Italia si può dire sia tra i Paesi dell’Eurozona che meglio hanno saputo far fronte alla crisi; ed è nelle prospettive un discreto aumento del PIL 2023, nonostante la produzione industriale e l’export del semestre appena concluso siano via via rallentati. Il settore dell’edilizia ha accusato gli effetti delle modifiche governative al cosiddetto superbonus 110%. Per contro, il turismo ha dato un contributo soddisfacente e le previsioni per la stagione estiva sono ancora migliori. I consumi sono rimasti deboli, anche perché l’inflazione ha il suo costo.

L’Unione Europea, senza esitazioni e avvalendosi di strumenti innovativi, pure attraverso il programma NGEU e il PNRR, interpretando efficacemente il suo ruolo, ha messo a disposizione ingenti risorse finanziarie per sostenere la ripresa e per la doppia transizione, verde e digitale.

Veniamo alla nostra, Vostra Banca.

Il 29 aprile 2023, prima di dare avvio all’Assemblea ordinaria annuale dei soci, si è tenuta un’Assemblea straordinaria per la modifica dell’articolo 24 dello Statuto sociale. E’ stata introdotta, con effetto immediato, la seguente nuova regola, riguardante l’elezione dei cinque componenti il Consiglio di amministrazione in scadenza di mandato, qualora vengano presentate più liste: dalla lista dei candidati che ha ottenuto il maggior numero di voti sono tratti, nell’ordine progressivo con cui sono elencati, tutti i nominativi tranne l’ultimo, mentre dalla lista che ha ottenuto il secondo maggior numero di voti è tratto il candidato indicato al primo posto.

Si è poi proseguito con i lavori relativi all’Assemblea ordinaria annuale, che, con la partecipazione per rappresentanza di 5.600 Soci – quasi il 52% del capitale sociale –, ha approvato a larghissima maggioranza il bilancio e il dividendo da distribuire nella misura proposta di 0,28 euro lordi per azione.

L’utile netto d’impresa, conseguito nell’esercizio 2022, è risultato pari a 212,9 milioni di euro, sostanzialmente in linea con i 212,1 milioni del 2021. Va rimarcato l’incremento dei proventi dell’attività bancaria caratteristica: margine d’interesse e commissioni. L’utile netto del Gruppo ha cifrato 251,3 milioni di euro. Alle risultanze hanno contribuito le controllate Banca Popolare di Sondrio (SUISSE) SA, BNT Banca Spa e Factorit Spa, che hanno chiuso positivamente i rispettivi bilanci.

Nel primo trimestre 2023 si sono registrate soddisfacenti risultanze con l’elevato utile netto, a livello di Gruppo, pari a 94,4 milioni di euro, rispetto ai 40,3 milioni al 31 marzo 2022, quindi più 134,3%. Il ROE ha raggiunto l’11,1%; il Cost–income Ratio si è portato al 40,9%; l’NPL Ratio lordo al 4,3%; l’NPL Ratio netto all’1,75%; il Cet 1 al 15,3%. Sono parametri che ci collocano ai vertici del sistema.

I dati della semestrale appena chiusa, di cui si stanno tirando le fila, sono in armonia con quelli del 31 marzo c.a., e vanno oltre le previsioni del Piano Industriale. Possiamo affermare, e con soddisfazione, che le filiali e gli uffici della “Sondrio” hanno lavorato intensamente, avendo, come obiettivo, la giusta profittabilità aziendale, in uno con la doverosa attenzione ai clienti e alle loro esigenze. Il Servizio Internazionale ha supportato adeguatamente la clientela interessata all’internazionalizzazione e organizzato molteplici incontri informativi e formativi. Il Servizio Commerciale si è adoprato con professionalità e ha tra l’altro ampliato la gamma dei prodotti ESG, contemperando le esigenze dei clienti con la sostenibilità e la tutela dell’ambiente, come da Piano Industriale; in collaborazione con il Servizio Sistemi Informativi ha colto le stimolanti novità negli ambiti tecnologico e informatico, proiettandosi nel futuro, per ora in via sperimentale, con il “Metaverso”, innovativo strumento virtuale. Sono proseguiti gli investimenti per rafforzare la multicanalità e l’user experience del cliente tramite il nuovo portale SCRIGNObps.

La nostra Banca ha a cuore le necessità delle persone, delle famiglie, del variegato mondo imprenditoriale, manifestando loro vicinanza, a esempio andando incontro, caso per caso, a coloro che si trovano in difficoltà nell’onorare le rate di mutuo. E’ ciò che ha fatto anche nel periodo in esame.

I rating, assegnati dalle agenzie a ciò deputate, sono ormai divenuti oggetto di attenzione comune. Sono di aiuto nelle scelte di investimento e, quando esprimono giudizi positivi, fanno piacere ai destinatari. Scope Ratings ha migliorato il rating emittente riconosciuto alla nostra Banca, portandolo da ”BBB–“ a “BBB” con outlook “stabile”. Fitch Ratings ci ha confermato i precedenti giudizi, con insolvenza emittente a lungo termine “BB+” e outlook “stabile”. L’agenzia londinese di rating Standard Ethics, a conclusione del processo di revisione della valutazione di sostenibilità, di cui ai parametri ESG–Environmental Social & Governance, ci ha confermato il corporate rating “EE” e il rating di lungo periodo “EE+”. Sono valutazioni che ci spronano a proseguire l’operatività con rinnovato entusiasmo.

In tema di riconoscimenti, il quotidiano Milano Finanza, in occasione della ventesima edizione degli MF Banking Awards, ha assegnato alla nostra istituzione il premio MF Innovazione Award 2023 nella categoria Nuovi modelli operativi, per la realizzazione di “Òmìnà”, sistema virtuale altamente tecnologico di analisi e di ottimizzazione del lavoro, attraverso la digitalizzazione e la semplificazione dei processi, con focus particolare sul cliente. Quanto all’attività culturale, campeggia il Notiziario che, come sempre, ha suscitato nei circa centomila lettori non poco interesse. E’ la nostra rivista, vecchia di mezzo secolo avendo preso avvio nel 1973, ma giovane e fresca nei contenuti, ed elegante nella veste grafica.

Lo spazio culturale della Relazione di bilancio, esercizio 2022, della SUISSE è stato occupato da una ricca monografia sul personaggio svizzero Henry Dunant, artefice della Croce Rossa Internazionale, primo Premio Nobel per la Pace (1901) della storia.

Abbiamo sostenuto, insieme al Comune del capoluogo valtellinese e ad altri soggetti locali, alcune manifestazioni culturali in provincia di Sondrio, tra cui “La Milanesiana” di Elisabetta Sgarbi, inaugurata a Sondrio il 1° giugno presso il MVSA–Museo Valtellinese di Storia e Arte e il Teatro Sociale, e che sarà in Alta Valle dal 20 al 27 luglio con numerosi altri eventi, tra cui la mostra “Interiors” dell’artista–fotografa Chiara Caselli, curata da Vittorio Sgarbi e allestita presso la nostra agenzia n. 1 di Bormio.

BPS banca popolare Sondrio-2-2

Egregio Socio, caro Amico,

la devastante alluvione di maggio in Emilia Romagna induce a riflessioni sull’importanza della relazione tra uomo, attività produttive e ambiente, pure con riferimento ai cambiamenti climatici in atto. Parte attiva del sistema finanziario, siamo chiamati a svolgere un ruolo significativo a vantaggio dello sviluppo sostenibile, orientando in tal senso la gestione e promuovendo la giustizia sociale, nella consapevolezza che il mercato sopravvive solo se sopravvive l’ambiente e quest’ultimo sopravvive solo se il mercato ne garantisce l’esistenza vitale.

Lo spirito d’impresa che ci contraddistingue, generativo di un senso di comunità di lavoro, che si sposa con un senso di comunità di territorio, mette radici nella cultura aziendale e consente di trasformare con energia l’oggi, ripensare con coscienza l’ieri, disegnare con convinzione e senso di responsabilità sociale il domani.

La cultura e la conoscenza, fondative del saper pensare e del saper fare, danno forma e sostanza alla sfida creativa e all’innovazione, che trova nelle nuove generazioni, portatrici di idee e fautrici di cambiamento, l’humus ideale al fine di produrre benessere per i nostri stakeholder.

Ognuno di noi ha un compito ben preciso da svolgere perché l’intero organismo sociale sia sano. Ricercare soluzioni comuni a problemi comuni darà senso alla condivisione delle responsabilità. Siamo da poco in estate, stagione di vacanze. Auspichiamo siano ritempranti per Voi e per i Vostri Cari.

Cordialmente.

Il Consigliere Delegato e Direttore Generale
(Mario Alberto Pedranzini)

Il Presidente
(Francesco Venosta)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banca Popolare di Sondrio, Pedranzini e Venosta scrivono ai soci dopo il primo semestre

SondrioToday è in caricamento