menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Proseguono i lavori al Pozzo di Riva

Proseguono i lavori al Pozzo di Riva

Statale 36 ancora chiusa, scattano le misure anticode

Oregioni: "Ci siamo attivati da subito per trovare una soluzione in vista del rientro dei turisti"

La contromisura è stata disposta per domenica 11 dicembre, in concomitanza con il rientro dal ponte dell’Immacolata, ma, alla luce anche delle possibili difficoltà nella riapertura della statale 36 al Pozzo di Riva da parte di Anas, sarà valutata quale prova generale in vista delle imminenti vacanze di fine anno che porteranno in Valchiavenna moltissimi turisti.

A seguito del positivo confronto tra Provincia, Prefettura, Questura, Comunità Montana della Valchiavenna e Comune di Samolaco, domani, le forze di polizia presiederanno per l’intera giornata la strada provinciale Trivulzia, lungo la quale viene dirottato il traffico, nei punti considerati più critici: la deviazione verso Somaggia e il ponte San Pietro, a Samolaco. L’obiettivo è quello di prevenire eventuali intoppi causati dallo straordinario flusso di auto intervenendo con tempestività per evitare gli incolonnamenti e limitare i disagi dei vacanzieri come dei Comuni che, per primi, avevano segnalato nei giorni scorsi le problematiche emerse alla vigilia del ponte dell’Immacolata. Un allarme immediatamente colto dalla Comunità Montana che lo aveva portato all’attenzione degli enti superiori e delle forze dell’ordine. 

"Ci siamo attivati da subito - spiega il presidente della Comunità Montana della Valchiavenna Flavio Oregioni - per trovare una soluzione in vista del rientro dei turisti di domani, utile a soddisfare sia le esigenze degli automobilisti che dei residenti. La risposta è stata immediata da parte di tutti gli attori coinvolti: il Prefetto Giuseppe Mario Scalia si è reso da subito disponibile, così come il questore Gerardo Acquaviva, la Provincia e il Comune di Samolaco. Tutti hanno condiviso la necessità di intervenire per trovare una soluzione ottimale. Domani valuteremo sul campo l’efficacia dell’intervento e successivamente ci confronteremo per programmare le misure da attuare in vista del Natale, soprattutto in funzione delle decisioni ufficiali che verranno adottate da Anas in merito ai lavori lungo la statale 36. Ovviamente un'ulteriore proroga della chiusura in prossimità del Pozzo di Riva sarebbe una soluzione inaccettabile per il territorio. In particolare per gli operatori economici che da mesi, in maniera assai corretta, stanno sopportando i disagi. Da parte nostra, e degli altri enti locali interessati, resta la massima disponibilità nel trovare le soluzioni migliori, in primis viabilistiche, come dimostrato anche in questa occasione. È necessario, però, che tutti i soggetti coinvolti, facciano la loro parte, enti locali, ma soprattutto Anas quale titolare del cantiere sulla ss 36".

L’ordinanza del questore Acquaviva regolamenterà l’intervento delle forze dell’ordine nella giornata di domani per gestire lo straordinario flusso di auto atteso per il rientro dalle località sciistiche della Valle Spluga che hanno registrato moltissime presenze in questo ponte dell’Immacolata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento