menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sondrio, chiedono soldi a favore della Croce Rossa: 'beccati' due truffatori

L'allarme è partito da una donna dopo una telefonata sospetta

 Nella giornata di ieri, martedì 7 marzo, la Questura di Sondrio è stata contattata da una donna, residente nel capoluogo, che ha comunicato agli agenti di aver ricevuto una telefonata da parte di una sedicente rappresentante del Comune di Sondrio che chiedeva alla signora informazioni in merito alla sua attività lavorativa e riferiva che un incaricato sarebbe stato inviato presso la sua abitazione per delle verifiche.

Nel pomeriggio quindi le Squadre Volanti si sono recate al suo domicilio ed hanno identificato due persone, A.A. un 30enne e C.B. una 43enne, entrambi agenti di commercio e dipendenti di una Srl di Gorizia.

I due hanno riferito ai poliziotti di trovarsi in città per vendere spazi pubblicitari da apporre su veicoli che, successivamente, sarebbero stati donati alla Croce Rossa Italiana locale per il trasporto di persone disabili. Gli agenti hanno però accertato che i due avevano precedenti specifici, e il modus operandi era sempre lo stesso: realizzavano truffe che si articolavano nella vendita, ad imprenditori ed aziende, di. spazi pubblicitari su beni mobili (automobili) da destinare ad enti benefici,  millantando il patrocinio di diverse istituzioni, salvo far perdere poi le proprie tracce.

Nei confronti dei due soggetti è stato emesso un foglio di via, mentre sono in corso ulteriori approfondimenti sulla vicenda.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, cosa riapre dal 26 aprile e cos'è la zona gialla rinforzata

Coronavirus

Covid, la Lombardia spera di tornare gialla: cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento