Rapina insanguinata in Giamaica, uccisa donna valtellinese di 46 anni

Patrizia Besio di Poggiridenti è morta insieme al marito, raggiunti da alcuni colpi di arma da fuoco. La polizia li ha trovati nella loro casa di Negril con i polsi legati

Una donna valtellinese è stata ammazzata nella sua casa a Negril, località turistica in Giamaica. La vittima è Patrizia Besio, 46enne di Poggiridenti, da anni trasferitasi in Giamaica dove viveva con il marito Osbourne Richards, 49enne, anche lui rimasto ucciso in quella che, con tutta probabilità, è una rapina sfociata in un duplice omicidio. I due coniugi sono stati trovati morti venerdì attorno a mezzogiorno.

La notizia ha raggiunto questa mattina la Valtellina e, particolare, la comunità di Poggiridenti, dove Patrizia Besio era conosciuta e dove abitano i suoi familiari. Sull'accaduto indagano ora le forze dell'ordine locali, che hanno trovato la donna italiana e suo marito giamaicano uccisi da colpi di arma da fuoco con i polsi legati e la loro casa sottosopra, con alcuni oggetti mancanti come il frigorifero.

«Sulla base di ciò che gli investigatori hanno visto sul posto, riteniamo che si sia trattato di una rapina» ha affermato il sovrintendente Robert Gordon, comandante di Westmoreland.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Il luogo è stato saccheggiato e sappiamo che un televisore e un grande frigorifero sono stati portati via dalla casa. Stiamo seguendo una pista, speriamo di arrivare ad un arresto a breve» ha aggiunto Gordon.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sondrio e altri 7 comuni della provincia coinvolti nell'indagine sierologica covid-19 di Ministero della Salute e Istat

  • Coronavirus, Fontana si sbilancia: «Dal 3 giugno i lombardi saranno liberi di circolare in Italia»

  • Dal 3 giugno non un "liberi tutti", i divieti che restano in vigore

  • Coronavirus, ancora casi nelle case di riposo della provincia

  • Sondrio, giovane denunciato per aver falsificato i controlli antidroga con un particolare kit

  • Coronavirus, in Valtellina e Valchiavenna 6 nuovi casi di contagio nelle ultime 48 ore

Torna su
SondrioToday è in caricamento