Insulti razzisti: 10 giornate di squalifica a juniores del Berbenno calcio

Il giovane ha ripetutamente utilizzato epiteti offensivi contro un avversario del Delebio di origini senegalesi. La dirigente: «È sempre così: anche i nostri giocatori di origine marocchina vengono regolarmente offesi. Anche i genitori avversari da fuori hanno esagerato»

Foto archivio

Un giocatore della squadra di calcio Under 19 del Berbenno è stato squalificato per 10 giornate dal Giudice sportivo sondriese, Michele Diasio, dopo aver ripetutamente utilizzato epiteti razzisti nei confronti di un avversario durante la partita con il Delebio.

Il fatto  è accaduto lo scorso 18 maggio quando le due compagini si sono affrontate sul campo del Delebio, squadra dove milita un'atleta di colore, di origini senegalesi.

Sebbene non si conosca la reale dinamica di quanto accaduto tra i due giovani giocatori, quello che è certo è che il berbennasco, prima di esser espulso dal campo dall'arbitro, abbia utilizzato ripetutamente insulti razzisti per "infierire" sull'avversario.  

Sempre la stessa storia

«È sempre la stessa storia: anche i nostri giocatori di origine marocchina vengono regolarmente offesi. Anche i genitori avversari da fuori hanno esagerato con gli insulti razzisti. Alla fine l’allenatore del Berbenno non sapeva come scusarsi, è stato gentile» ha commentato Pamela Tarabini, dirigente responsabile della formazione Juniores del Delebio calcio.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Solleva il cervo appena abbattuto ma si sbilancia cadendo nel dirupo: cacciatore perde la vita

  • Non si ferma al posto di blocco con la moto e scappa: arrestato agricoltore sondriese

  • Incidente stradale a Poggiridenti, grave un uomo

  • Nasce il loro secondo figlio e scelgono di restare a Santa Caterina Valfurva: «Radici per ritrovare equilibrio»

  • Rompe vetrina per recuperare la refurtiva nascosta il giorno prima: Carabinieri denunciano chiavennasco

  • Abusi sessuali su chierichetti, rinvio a giudizio per il don di Chiavenna

Torna su
SondrioToday è in caricamento