Gravedona, la convince a drogarsi e la stupra: arrestato

In carcere un milanese di 44 anni. A trovare la ragazza, di soli 18 anni, è stato il fidanzato che l'ha portata in ospedale

Ha 44 anni, 26 in più della ragazza che ha drogato e stuprato, l'uomo che è stato arrestato dai carabinieri di Menaggio per violenza sessuale e spaccio di cocaina.

Come riportato dai colleghi di QuiComo.it la ragazza ha poco più di 18 anni e, in un momento di disperazione, avrebbe accettato di bere qualcosa insieme all'uomo, che poi le avrebbe anche proposto di fare uso di cocaina. È a questo punto che la ragazza si sarebbe sentita male e avrebbe subito la violenza.


Il tutto sarebbe successo a Gravedona ed Uniti, dove l'uomo, residente a Cinisello Balsamo, nel milanese,  ha anche una casa di villeggiatura.

A trovarla, in condizioni drammatiche, il pomeriggio del 2 novembre scorso, era stato il fidanzato della ragazza e alcuni amici, che erano andati a cercarla dopo aver più volte tentato di telefonarle.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La ragazza si è rivolta alle forze dell'ordine la sera stessa dell’aggressione per denunciare l'uomo e ha così permesso un rapido avvio delle indagini.
Il pubblico ministero Antonio Nalesso ha chiesto e ottenuto l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per il 44enne, che ora attende di essere interrogato dal giudice per le indagini preliminari.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, tragiche le ultime 24 ore in Valtellina e Valchiavenna: 11 morti

  • Madesimo, festa di compleanno tra carne e motoslitte alla faccia delle disposizioni anti-coronavirus

  • Bassa Valle in lutto per la morte di Beatrice

  • Coronavirus, i casi in Valtellina e Valchiavenna sono 303

  • Coronavirus, Sondrio piange la professoressa Cristina Esposito

  • Coronavirus, morti 7 valtellinesi e valchiavennaschi nelle ultime 24 ore

Torna su
SondrioToday è in caricamento