rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Super lavoro

In soli tre mesi duemila persone soccorse sulle piste da sci della provincia

I dati sono stati illustrati nell'incontro odierno del Questore Carlo Enrico Mazza con i gestori dei comprensori sciistici

Nella mattinata odierna il Questore di Sondrio, Carlo Ambrogio Enrico Mazza, ha incontrato in Questura i gestori dei comprensori sciistici della provincia, di Aprica, Bormio, Chiesa in Valmalenco, Madesimo, Livigno, per analizzare l’attività sinora svolta dai poliziotti del Servizio Sicurezza e Soccorso in montagna e fare il punto sulla stagione in corso che si prospetta ancora lunga grazie alle importanti nevicate dei giorni scorsi.

Durante l’incontro sono stati approfonditi gli aspetti organizzativi e gestionali dei servizi offerti nelle stazioni sciistiche sotto il profilo della sicurezza sulle piste. Sono state inoltre analizzate le criticità riscontrate nel corso delle quotidiane attività espletate la personale della Polizia di Stato e segnalate ai gestori degli impianti e sono statati valutati gli interventi migliorativi apportati nell’ottica della costante collaborazione fra tutti gli attori coinvolti - gestori impianti, direttori piste e team poliziotti sugli sci - secondo le indicazioni fornite ad inizio stagione da parte del Questore.

L'incontro odierno in Questura

Nel corso della riunione il Questore ha illustrato anche i risultati operativi conseguiti nei primi 3 mesi della stagione 2023/2024 dal personale della Polizia di Stato, che denotano un sostanziale incremento rispetto allo stesso periodo della scorsa stagione.

STAZIONI 

Aprica

Bormio

Chiesa in Valmalenco

Madesimo

Livigno

TOT

Soccorsi 

244

571

499

360

323

1997

Scontri

39

56

57

47

75

274

Violazioni amm.ve

28

23

60

22

50

183

Denunce

(688 c.p., lesioni, furto di sci)

3 per furto di sci

1 lesioni

1 furto di sci

3 (furto orologi, furto cellulare)

8

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In soli tre mesi duemila persone soccorse sulle piste da sci della provincia

SondrioToday è in caricamento