Si tuffa da due metri dove l'acqua è poco profonda, attimi di panico a Sondrio

Un errore di valutazione alla base dell'incidente

Soccorsi in azione sul lungo Mallero lunedì 6 luglio 2020

Nel pomeriggio di lunedì 6 luglio 2020, lungo il torrente Mallero di Sondrio, all'altezza di via Torelli, un giovane si è tuffato impavidamente ed ha battuto il testa su una roccia.

Il ragazzo, identificato in M.A., secondo alla ricostruzione della polizia, intervenuta con una volante, si è lanciato in acqua da un'altezza di due metri ma, per un mero errore di valutazione della profondità, sarebbe rovinato in un punto in cui il Mallero è profondo solamente 50 centimetri.

Un brutto volo che inizialmente aveva fatto pensare al peggio tanto che il codice di soccorso era di colore rosso, quello di massima gravità. Giunti sul luogo dell'incidente i soccorritori hanno trovato una situazione sotto controllo. L'autoscala dei vigili del fuoco non si è nemmeno fermata tornando immediatamente in caserma.

Seppur vigile e cosciente, dopo aver ricevuto assistenza sanitaria sul posto, è stato accompagnato in Pronto Soccorso dove gli è stato diagnosticato un trauma cranico con ferita lacerocontusa della fronte con conseguenti sei giorni di prognosi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rocambolesco incidente lungo la Statale 38, camion si ribalta perdendo il carico

  • Piateda, un'altra vittima del bosco: 51enne precipita e muore

  • Coronavirus, primo caso tra i banchi in provincia di Sondrio: chiusa una classe a Chiuro

  • Berbenno, ritrovato un cadavere nell'Adda

  • Morbegnese trovato senza vita su una panchina nei boschi della Valgerola

  • Il folle movente dietro l'omicidio di Don Roberto Malgesini, l'omicida aveva paura di esser rimpatriato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento