Morbegno, giocatori in palestra nonostante il divieto per il coronavirus: le precisazioni della società di calcetto

La posizione della MGM 2000 calcio 5 Morbegno: «La confusione dettata dal particolare momento che viviamo ha tratto in inganno due ragazzi, in totale buona fede. Chiarimenti e scuse già la sera stessa alle autorità preposte»

Immagine d'archivio

Non era un allenamento, men che meno organizzato della società. Semplicemente un'iniziativa singola e non autorizzata di due tesserati.

È questa in estrema sintesi la posizione della società F.C.D. MGM 2000 calcio 5 Morbegno a proposito dell'articolo proposta da SondrioToday nel pomeriggio di martedì 25 febbraio in cui si riportava la presenza di alcuni giocatori di calcetto nella palestra di via Faedo a Morbegno intenti a svolgere attività sportiva nonostante il divieto emanato dal Ministero della Salute e da Regione Lombardia per contrastare la proliferazione del coronavirus.

«All’interno della palestra non è stata eseguita alcuna seduta di allenamento della squadra bensì, a seguito di iniziativa singola e non autorizzata, due ragazzi hanno eseguito circa 30’ minuti di esercizi di stretching credendo che il divieto iniziasse alle ore 18:00. La confusione dettata dal particolare momento che viviamo ha tratto in inganno i due ragazzi che, in totale buona fede, hanno svolto i suddetti esercizi» hanno commentato i rapprensentanti della società morbegnese.

Scuse all'Amministrazione

«Come già prontamente comunicato all’Amministrazione comunale nella serata di ieri, all’Assessore allo Sport Sig. Franco Marchini, la nostra Società ha posto le proprie scuse per l’accaduto rimarcando la totale estraneità all’iniziativa intrapresa, la volontà di richiamare i due ragazzi e, soprattutto, la volontà e l’impegno a far sì che determinati episodi non accadano più facendo così rispettare le direttive emanate da Regione Lombardia» hanno aggiunto i dirigenti della forte squadra di futsal.

Infine, in relazione a quanto scritto nell'articolo iniziale, la F.C.D. MGM 2000 calcio 5 Morbegno, tenendo conto che «non è mai stata oggetto di richiami per la cattiva gestione delle strutture», ha voluto chiarire alcuni aspetti dalla squadra presieduta da Marco Manenti. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Le chiavi della palestra sono in possesso solo ai Dirigenti e agli Allenatori che effettuano attività in quella struttura. Essendo i due ragazzi allenatori di squadre giovanili dispongono di una chiave. L’attività svolta dai ragazzi non necessitava dell’utilizzo dell’illuminazione della palestra in quanto era giorno e lo si vede chiaramente dalla fotografia scattata. Per quanto riguarda l’accaduto ogni chiarimento e scusa da parte nostra, e anche dai giocatori, è avvenuto subito ieri in serata alle autorità preposte» hanno concluso i rappresentanti della F.C.D. MGM 2000 calcio 5 Morbegno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Coronavirus, lunedì si decidono le sorti della Lombardia: lo spettro del lockdown

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Coronavirus, focolaio nel pronto soccorso di Livigno: contagiati infermieri e autisti

  • Coronavirus, al Morelli di Sondalo la situazione si fa seria

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento