Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Coronavirus, Sertori: «Per far ripartire l'economia serve un'iniezione di risorse e una politica di investimenti»

«Mi auguro che - ha dichiarato Massimo Sertori - questo provvedimento venga adottato anche dallo Stato centrale».

 

«In giunta regionale - ha dichiarato Massimo Sertori, Assessore a Enti locali, Montagna e Piccoli Comuni - abbiamo approvato una proposta di legge che approderà in Consiglio il 5 maggio per la costituzione di un fondo da 3 miliardi di euro per investimenti. Questo è stato possibile grazie al bilancio virtuoso di Regione Lombardia. Ricordo che la Lombardia ha un rating che è addirittura superiore rispetto a quello dello Stato italiano».

«La Giunta Fontana - prosegue Sertori - ha creduto che in questo momento di straordinaria difficoltà, in cui dobbiamo definire la ripartenza delle attività produttive, sia un elemento fondamentale dare un’iniezione di risorse e mettere in circolo tutta la filiera del lavoro e quella dell’edilizia, costituita da elettricisti, idraulici e società di costruzione. I primi 400 milioni di questo piano, che si svilupperà tra il 2020 e il 2022, saranno destinati ai comuni (350 milioni) e alle province (50 milioni), che potranno essere utilizzati per strade, edifici e interventi idrogeologici. Con assoluta libertà i Comuni potranno definire quelle che sono le loro priorità, generando un’opera pubblica che crei delle condizioni di miglioramento per i servizi prodotti, ma al contempo faccia anche lavorare il comparto edilizio. Avremo modo di definire meglio come verranno utilizzati i restanti 2,6 miliardi, ma in parte saranno impiegati per progetti e infrastrutture strategiche per la nostra Lombardia».

«Mi auguro che - conclude l'assessore - questo provvedimento venga adottato anche dallo Stato centrale: per far ripartire l’economia occorre un’iniezione di risorse e una politica di investimenti, soprattutto nel comparto pubblico capace di mettere in moto un sistema virtuoso che aiuta effettivamente le aziende e le partite iva».

Potrebbe Interessarti

Torna su
SondrioToday è in caricamento