rotate-mobile
La riqualificazione

Sondrio, intervento in via Cesura: si passa dal porfido all'asfalto

La sostituzione riguarderà il tratto tra via Piazzi e lo sbocco su via XXV Aprile

Un intervento complessivo di riqualificazione interesserà nei prossimi mesi la via Cesura, principale asse viario in centro città, da via Piazzi allo sbocco su via XXV Aprile: la giunta comunale ha approvato nella seduta di mercoledì il progetto definitivo per un importo complessivo di 575 mila euro. Lo stato in cui versa la via è evidente a tutti: la pavimentazione in cubetti in porfido presenta vistosi cedimenti, nonostante i ripetuti lavori eseguiti negli ultimi anni.

Da tempo l'amministrazione comunale pensava a un intervento risolutivo che coinvolgesse anche i marciapiedi, ormai non più rinviabile, per ripristinare la piena funzionalità del tratto viario a garanzia della sicurezza di pedoni, ciclisti e automobilisti, oltre che il decoro urbano. Il progetto è stato elaborato partendo dall'analisi della situazione e prevede, nel primo tratto, quello posto davanti alla sede della Camera di Commercio, il rifacimento dello scivolo di risalita in pietra e della pavimentazione in porfido, fino allo scivolo in corrispondenza della farmacia.

Il tratto successivo, fino a via XXV Aprile, lungo il quale insistono quattro attraversamenti pedonali, sarà asfaltato con l'inserimento di tre piccoli dossi, allo scopo di limitare la velocità. L'intervento di riqualificazione interesserà anche i marciapiedi lungo la via Cesura, per i quali sarà mantenuto il porfido. Il cantiere avrà una durata di circa dieci mesi poiché si dovrà procedere anche al rifacimento della guaina di impermeabilizzazione presente sulla porzione di interrati sotto la strada.

"L'intervento è molto complesso e la spesa è ingente, ma sarà risolutivo e ci consentirà di ovviare a una serie di problematiche che si trascinano da anni - spiega il sindaco Marco Scaramellini -. Si tratta di una riqualificazione mai effettuata in passato che eliminerà cedimenti e sconnessioni, garantendo la sicurezza di chi transita lungo la strada e sui marciapiedi e che eviterà, in futuro, di intervenire con frequenti manutenzioni. Con la via Cesura, nel corso dell'anno, proseguiremo il programma dei ripristini di strade e marciapiedi, in città e nelle frazioni: tanti progetti approvati e finanziati, già in corso o di prossima realizzazione, che attestano l'attenzione che riserviamo alle manutenzioni".

I marciapiedi nella zona del cimitero del capoluogo

La lista degli interventi completati nel corso del 2023 è lunga: dalle vie Mazzini, Pedescallo, Vigoni, Europa, Torelli e Visciastro in città, alle frazioni S. Anna, Mossini e Ponchiera. Per un totale di 18 mila metri quadrati di asfalti posati, tra nuovi e ripristinati.

Nel 2024, oltre alla via Cesura, saranno interessate da lavori di manutenzione le vie Ventina, Bosatta, Del Grosso Bassi e Don Guanella, oltre alla sistemazione della strada comunale Ponchiera-Arquino, per circa settemila metri quadrati. Sono inoltre previsti interventi puntuali su marciapiedi e porfidi: sono già partiti nella zona del cimitero e inizieranno nelle prossime settimane in via Vittorio Veneto.

"L'impegno dell'amministrazione comunale per le manutenzioni, sia nella programmazione che nel reperimento dei fondi, è massimo - dichiara l'assessore ai lavori pubblici Simone Del Marco -. Il nostro intento è quello di intervenire ovunque ve ne sia la necessità, via dopo via, marciapiede dopo marciapiede. Purtroppo la situazione è resa difficile dalla presenza di numerosi cantieri privati: per ovviare ai problemi causati da questi lavori stiamo definendo un apposito regolamento sulla manomissione del suolo che impegnerà le imprese a restituire le infrastrutture pubbliche esattamente come le hanno trovate. Allo stesso modo, ci confrontiamo con i gestori dei sottoservizi affinché agli scavi seguano ripristini puntuali, non i rappezzi che vediamo oggi".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sondrio, intervento in via Cesura: si passa dal porfido all'asfalto

SondrioToday è in caricamento