rotate-mobile
Attualità

Mai così poca neve sui ghiacciai della Valtellina

A dirlo l'ultima misurazione dello 'Snow Water Equivalent' sui ghiacciai lombardi realizzata da Arpa Lombardia in collaborazione con Enel

Un innevamento notevolmente inferiore alla media degli ultimi 15 anni su tutte le montagne lombarde, dove la neve è caduta raramente anche in quota. È quanto emerge dall'ultima campagna di misura dello SWE 2022 sui ghiacciai lombardi, realizzata da Arpa Lombardia in collaborazione con Enel. Una situazione emergenziale come dimostrato, sempre che ce ne fosse bisogno, dalla tragedia della Marmolada.

In provincia di Sondrio come in Lombardia dati sui quantitativi di equivalente idrico della neve e sulla conformazione della neve stessa fanno presagire un'estate drammatica per il glacialismo alpino e per la disponibilità di riserva idrica a lento rilascio per i bacini. Una stagione eccezionalmente secca e con temperature nettamente superiori alla norma ha, infatti, provocato una scarsità di accumulo di neve senza precedenti sui ghiacciai lombardi, tant'è che molti di essi presentano oggi le condizioni tipiche di fine estate delle annate relativamente nevose. Presumibilmente l'estate 2022 segnerà, quindi, bilanci di massa negativi in tutti i ghiacciai della regione, con decrementi volumetrici considerevoli e la possibile scomparsa di alcuni di quelli di piccole dimensioni.

Snow Water Equivalent

Lo studio dello Snow Water Equivalent, equivalente idrico della neve misurato in kg/m2, calcola la potenziale massa dell'acqua di disgelo per metro quadrato che risulterebbe se il manto nevoso si fondesse del tutto. Il dato di SWE si basa sulla misurazione dell'altezza e della densita? del manto nevoso e sulla valutazione della sua estensione.

Una stagione di accumulo eccezionalmente secca, aggravata nei mesi di maggio e giugno da temperature nettamente superiori alla norma, ha provocato una scarsita? di neve senza precedenti sui ghiacciai lombardi. Il periodo ideale per l’esecuzione delle misure di SWE e? quello tardo primaverile (meta? maggio-meta? giugno), ovvero il periodo dell’anno in cui si verifica il massimo accumulo nivale.

Queste campagne di misura consentono sia di valutare la quantita? totale di equivalente in acqua immagazzinata nella neve che la sua distribuzione sul territorio regionale. Il parametro SWE pertanto riveste un ruolo chiave nel bilancio idrologico delle regioni alpine, rappresentando una riserva idrica a rilascio graduale e al tempo stesso una componente importante per il rischio idrogeologico.

I rilievi sono stati effettuati a quote elevate ad integrare i dati raccolti in continuo attraverso la capillare rete di stazioni nivometeorologiche automatiche presenti sul territorio montano lombardo a quote inferiori. Nel dettaglio i ghiacciai lombardi interessati dai carotaggi e dalle misure dell’altezza del manto nivale sono stati:

  • ghiacciai del Vioz e Dosegu? nel Sottogruppo Cevedale-San Matteo;

  • ghiacciaio di Alpe Sud sul Monte Sobretta;

  • ghiacciaio dei Vitelli nel Sottogruppo Ortles-Cristallo;

  • ghiacciai dell’Adamello e del Pisgana nel Gruppo dell’Adamello

  • ghiacciai di Fellaria Orientale e Occidentale nel Gruppo del Bernina.

Dai dati complessivamente raccolti si puo? confermare che l’ultima stagione e? stata caratterizzata da un innevamento notevolmente inferiore alla media (considerando gli ultimi 15 anni) su tutte le montagne lombarde; condizione dovuta principalmente alle rare precipitazioni nevose verificatesi in quota. Anche le precipitazioni primaverili sono state pressoche? assenti, pertanto la situazione e? rimasta immutata

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mai così poca neve sui ghiacciai della Valtellina

SondrioToday è in caricamento