menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Regione Lombardia premia Marco Confortola

L'alpinista della Valfurva insignito del "Premio Lombardia Montagna" nell'ambito del "Rosa Camuna 2019": «Abbiamo in mano il futuro del mondo, non dobbiamo perdere i giovani»

A Marco Confortola il "Premio Lombardia Montagna". L'alpinista fuvese è stato premiato a Milano nell'ambito della cerimonia per la "Festa della Lombardia". Il "Premio Rosa Camuna" che tutti gli anni viene consegnato ai lombardi che si sono distinti per l'impegno, l'operosità, la creatività, il coraggio, la generosità e l'ingegno, contribuendo allo sviluppo economico, sociale, culturale e sportivo della Lombardia. 

«La Festa della Lombardia è la festa dei Lombardi - ha detto il presidente della Regione nel corso della cerimonia di consegna delle onorificenze -, oggi abbiamo premiato questi nostri cittadini che hanno saputo esprimersi nel mondo e contribuire, attraverso le loro competenze e la loro determinazione, a fare grande la nostra regione».

Insieme a Marco Confortola, hanno ricevuto il "Premio Rosa Camuna 2019" la ricercatrice Maria Cristina Alberini, l'astronauta Paolo Angelo Nespoli, la sciatrice Sofia Goggia e il fotografo giornalista Gabriele Micalizzi. Un Premio Rosa Camuna alla memoria è stato conferito al dirigente sportivo Arduino Francescucci, a ritirarlo la figlia Elisabetta.

Le motivazioni del premio

Confortola è stato premiato «per essersi fatto interprete, attraverso le sue straordinarie imprese e un’autentica passione per la montagna, del senso più profondo dell’alpinismo. Guida alpina internazionale, maestro di sci, soccorritore alpino e tecnico dell’elisoccorso, Confortola ha sfidato le montagne più alte del mondo mantenendo vivo l’amore per le Alpi e le vette della Valfurva».

La soddisfazione del furvese

Ha colto la palla al balzo della premiazione, Marco Confortola, per raccontarsi e raccontare il suo approccio alla montagna: «Io scalo per passione, poi sono un custode della montagna, una guida alpina, un maestro di sci, un soccorritore, un creatore di sogni e sorrisi. Sono lombardo, ho scalato e continuo a scalare gli ottomila, credo nei giovani e insegno sempre ai bambini che sognare è doveroso».

«Abbiamo in mano il futuro del mondo, non dobbiamo perderli. Io insegno ai bambini, ai ragazzi, i quattro comandamenti: obbedire, studiare, fare sport e mai mollare. Quattro semplicissime regole che possono dare una linea perfetta per crescere bene» ha concluso Confortola.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Covid, cosa riapre dal 26 aprile e cos'è la zona gialla rinforzata

Coronavirus

Covid, la Lombardia spera di tornare gialla: cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento