Anche il Villaggio Morelli di Sondalo candidato tra i 'Luoghi del Cuore' del FAI

La Delegazione FAI Sondrio vuole sottolineare l’importanza di un polo sanitario caratteristico come il complesso monumentale, architettonico, paesaggistico del Villaggio Morelli, che grazie alla grande esperienza e tradizione nelle cure polmonari, ha dato risposta alle necessità in ambito Covid-19

“Luoghi del cuore” è una mappa variegata e sorprendente formata da siti per noi speciali perché legati alla nostra identità e alla nostra memoria. Piccoli o grandi, famosi o sconosciuti, questi luoghi ci emozionano e raccontano la nostra storia personale: un sogno, una scoperta, una gioia, un rifugio. Vederli in stato di degrado o di abbandono, senza la cura necessaria a proteggerli o un’adeguata valorizzazione per farli conoscere, ci rattrista, ci ferisce ma ci fa anche impegnare e lottare per offrirgli un futuro. 

La Delegazione FAI Sondrio nella situazione di emergenza sanitaria che limita molte attività, tra cui sicuramente quelle associative e sociali tipiche degli eventi FAI, vuole sottolineare l’importanza di un polo sanitario caratteristico come il complesso monumentale, architettonico, paesaggistico del Villaggio Morelli a Sondalo, che grazie alla grande esperienza e tradizione nelle cure polmonari ha dato risposta alle necessità regionali e nazionali in ambito Covid-19. Un luogo che sicuramente può da tanti essere definito del cuore, per diversi e molti motivi, ma in ogni caso da valorizzare e tutelare. 

Grazie alla 10a edizione de “I Luoghi del Cuore”, promossa dal FAI – Fondo Ambiente Italiano in collaborazione con Intesa Sanpaolo, attiva dal 6 maggio al 15 dicembre 2020, sarà nuovamente possibile partecipare alla tutela e alla diffusione della conoscenza di questo luogo: 

“Straordinaria e imponente realizzazione architettonica, urbanistica e paesaggistica del Novecento, che dialoga con le opere coeve del razionalismo italiano ed europeo, il complesso può essere letto e analizzato nei suoi profili e significati da diversi punti di vista (architettonico, tecnologico, paesaggistico), nell’intento di promuoverne la conoscenza e la valorizzazione, ma anche di guidare le possibili forme di fruizione del suo patrimonio monumentale e paesaggistico.*” 

*tratto dal testo, Il villaggio Morelli. Identità paesaggistica e patrimonio monumentale, curato da Luisa Bonesio e Davide Del Curto 

I risultati ottenuti in diciassette anni di progetto sono straordinari, a dimostrazione della sua valenza sociale, poichè votare i propri luoghi del cuore è un grande gesto d’amore, individuale e collettivo; uno strumento semplice e diretto per accendere i riflettori dell’opinione pubblica su luoghi d’arte e natura  bisognosi di cure e che, come un termometro, dà la misura del forte legame - che ci auguriamo possa continuare a crescere - tra la popolazione e il proprio patrimonio. 

Nel 2020 il bene che avrà ottenuto più segnalazioni riceverà un contributo di 50.000 euro, il secondo classificato 40.000 euro e il terzo 30.000 euro. È previsto anche lo stanziamento aggiuntivo di 20.000 euro per i luoghi che saranno più votati nelle classifiche speciali “Italia sopra i 600mt” e “Luoghi storici della salute”, mentre il luogo che raccoglierà più voti digitali beneficerà di un video promozionale o storytelling a cura del FAI. In tutti i casi, per poter attingere ai fondi, gli enti proprietari dei beni dovranno sottoporre al FAI un progetto specifico. 

Il complesso monumentale del sanatorio Morelli a Sondalo è luogo del cuore per la Delegazione FAI Sondrio anche grazie a manifestazioni ed eventi di valorizzazione svolti in passato con la collaborazione del comune di Sondalo, dell’Azienda Socio Sanitaria Territoriale della Valtellina e dell’Alto Lario, del Museo dei Sanatori e dell’Associazione Terraceleste: giornate FAI di primavera e d’autunno, progetti didattici con le scuole e visite guidate.  La straordinaria commistione di più aspetti che possono essere fonte di conoscenza e allo stesso tempo che hanno segnato fortemente il territorio e la sua comunità non può che farci dire che la partecipazione al 10° censimento de “I luoghi del cuore” può enfatizzare il lavoro sapientemente svolto dai tanti attori coinvolti, il quale continua a dare ottimi risultati per migliorare e ampliare la fruizione di uno spazio così ricco di contenuti. 

«La scelta del FAI di costituire due premi speciali per “Italia sopra i 600mt” e “Luoghi storici della salute” - spiegano dalla delegazione Fai di Sondrio - ci fa ben sperare che i temi così sentiti dalla provincia di Sondrio non siano più prioritari per i soli territori delle aree interne: i piccoli borghi, le piccole comunità che rischiano lo spopolamento e l’abbandono sono ormai al centro di studi e ricerche che provano l’elevato valore e l’opportunità di essere nuovo polo rigeneratore.  Ma ricordiamoci che la forza de “I Luoghi del Cuore” non si ferma ai numeri o ai finanziamenti: grazie alla sensibilizzazione di popolazione e media in molti casi la partecipazione al censimento ha dato risonanza alle richieste dei cittadini, creando un prezioso collegamento con istituzioni e associazioni locali. Le collaborazioni virtuose scaturite hanno permesso la rinascita di beni a rischio degrado, abbandono o scomparsa attraverso l’intervento di diverse entità a favore di una maggiore fruibilità dei luoghi e al rafforzamento delle reti di contatti che la raccolta firme aveva attivato.  Quindi ora non resta che votare: sul sito FAI tutti i dettagli e le informazioni per poterlo fare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Coronavirus, firmato il decreto legge che "blinda" Natale e Capodanno

  • Nuova Olonio, sradicano il bancomat nella notte: ladri in fuga

  • Da domenica la Lombardia diventa zona arancione: la conferma del Governo

  • Arriva l'inverno in Valtellina e Valchiavenna: previste le prime nevicate

  • Spostamenti vietati a Natale, Santo Stefano e Capodanno: le regole del nuovo Dpcm

Torna su
SondrioToday è in caricamento