Coronavirus, casi di contagio anche nella casa di riposo di Sondrio

Sarebbero una decina gli ospiti che palesano sintomi da covid-19

Il coronavirus non risparmia neanche la "casa di riposo" di Sondrio. Dopo numerosi contagi e decessi avvenuti nelle altre strutture per anziani di Valtellina e Valchiavenna la questione sembra proporsi anche nel capoluogo.

Sarebbero circa una decina gli ospiti della RSA di via don Guanella a palesare i sintomi del covid-19, tanto che l'amministrazione ha ritenuto di isolarli tutti su di un unico piano al fine di non esporre le altre persone presenti nella struttura.

Insieme a loro anche alcuni operatori sanitari hanno manifestato i medesimi sintomi e si trovano ora in malattia. L'ATS della Montagna, informata di quanto emerso, sta procedendo con le operazioni dettate dal protocollo regionale.

La situazione

Era stato il presidente della Fondazione Onlus Casa di Riposo Città di Sondrio, Costantino Tornadù, a dare cenno, seppur senza entrare nei dettagli, di quanto sta avvenendo nelle strutture per anziani del capoluogo con un comunicato stampa datato giovedì 2 aprile.

«Dalla seconda metà del mese di febbraio sono state progressivamente messe in atto tutte le misure di prevenzione della diffusione del virus previste dalle direttive nazionali, regionali e dell'ATS, delle quali abbiamo puntualmente informato i familiari, il Consiglio della Fondazione, il Sindaco, il Presidente della Comunità Montana Valtellina, il Prefetto, le Organizzazioni Sindacali e l'Organismo di vigilanza. Talune iniziative, quali la chiusura dei centri semiresidenziali, sono state adottate, in via precauzionale, prima che fossero raccomandate. Con grande fatica è stato possibile reperire i DPI (guanti, mascherine camici ecc.) per proteggere gli operatori e gli Ospiti dal contagio» ha scritto Tornadù.

«Malgrado tutta la nostra organizzazione sia. stata orientata alla rigorosa applicazione di tali misure, con grande sacrificio per i familiari separati dai propri cari e degli operatori chiamati ad un impegno straordinario, vi sono oggi nelle nostre strutture taluni Ospiti e operatori che potrebbero aver contratto il virus (uso il condizionale poiché non è stato ancora accertato)» ha spiegato il presidente della Fondazione Onlus Casa di Riposo Città di Sondrio.

«ln queste ore stiamo mettendo in campo ogni possibile sforzo per circoscrivere un eventuale contagio e garantire un'assistenza adeguata a tutti i nostri ospiti, mantenendo un costante aggiornamento con i familiari. A tutti gli operatori della nostra Fondazione che stanno affrontando senza risparmiarsi questa difficile situazione va la stima e la riconoscenza mia e di tutto il Consiglio di Amministrazione» ha concluso Costantino Tornadù.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto in Svizzera, scosse percepite anche in provincia di Sondrio

  • Giro d'Italia, dopo la partenza da Morbegno i ciclisti protestano per pioggia e freddo: tappa accorciata

  • Svizzera, neve e buio coprono i massi caduti sui binari: treno deraglia

  • Cosio Valtellino, grave bambino di 7 anni investito sulla vecchia statale

  • Coronavirus, al Morelli di Sondalo la situazione si fa seria

  • Ammutinamento dei ciclisti al Giro, il direttore di corsa Vegni: «Figuraccia, qualcuno pagherà»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SondrioToday è in caricamento