menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Chiareggio

Chiareggio

Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco: «Turisti prediligeranno le seconde case, segnalateci baite e rifugi da affittare»

Con l'emergenza coronavirus il Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco sta studiando una serie di iniziative volte a rilanciare il territorio, nel quadro di una strategia che punta sul turismo di prossimità

Con l'emergenza coronavirus il Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco sta studiando una serie di iniziative volte a rilanciare il territorio, nel quadro di una strategia che punta sul turismo di prossimità.

«In vista dell’imminente stagione estiva, serve un habitat a misura di pandemia da offrire ai turisti - afferma il presidente del consorzio, Dario Ruttico, dopo la serie di incontri avvenuti, è nato l’obiettivo di far riscoprire il Mandamento prima di tutto ai suoi stessi abitanti, i quali spesso ne ignorano la bellezza, e in secondo luogo ai turisti provenienti dalle province e dalle regioni limitrofe. In quest’ottica, riteniamo che la soluzione ideale sia valorizzare le nostre montagne, puntando sugli alpeggi e i maggenghi dei nostri comuni e, in particolar modo, sulle baite, i rifugi o le strutture che consentiranno di trascorrere giornate in totale serenità, per una vacanza nuova, alternativa e a prova di virus».

La cosiddetta fase due è alle porte, le temperature salgono di giorno in giorno e contestualmente cresce sempre di più anche il desiderio di trascorrere una giornata all’aperto, anche per fare soltanto una semplice passeggiata. Dalle notizie che circolano sui media in questi giorni, nel mese di maggio potremmo spostarci con minori limitazioni.

«Speriamo in un pizzico di libertà in più che consentirà di riscoprire i bellissimi panorami che abbiamo a pochi passi da casa - afferma il direttore del Consorzio Roberto Pinna -. Potremo circolare ma dovremo farlo senza però dimenticare le necessarie misure di sicurezza e di distanziamento sociale, con cui dovremo fare i conti nei mesi a venire, almeno fino a quando non verrà trovato un vaccino anti coronavirus».

Nella sede del Consorzio turistico Sondrio e Valmalenco, la sensazione è che quest’estate i turisti prediligeranno le secondo case, di proprietà oppure in affitto; anzi, è più di una sensazione perché, come spiegato, «negli uffici si ricevono un buon numero di e-mail e telefonate in tal senso: le richieste riguardano principalmente l’affitto di appartamenti nel territorio del nostro Mandamento, dalle Orobie alle Retiche fino alla Valmalenco. Per questa ragione abbiamo chiesto ai sindaci del nostro Mandamento - ha concluso Dario Ruttico - di segnalarci eventuali baite, rifugi o aree di proprietà comunale che il Consorzio Turistico Sondrio e Valmalenco possa pubblicizzare e gestire tramite i canali a sua disposizione - sito web, social network, newsletter e contatti commerciali - con l’obiettivo di rilanciare un turismo sostenibile nel nostro territorio».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cosa si può fare in zona arancione: le nuove regole spiegate

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento