Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Valfurva, cervo stramazza nella neve per i rigori dell’inverno: inutile l'intervento dei Carabinieri forestali

Il triste episodio lungo la strada che da Santa Caterina Valfurva si inerpica lunga la Valle dei Forni. Il video

 

Erano ore che un cervo maschio vagava, stremato dai rigori dell’inverno, lungo la strada che da Santa Caterina Valfurva si inerpica lunga la Valle dei Forni. Giunto in prossimità del rifugio “Stella Alpina”, si è abbandonato a terra, raccogliendo le sue ultime energie per allontanare coloro che avrebbero potuto togliergli la sua indomita libertà.

Nella tarda mattinata del 11 febbraio 2021, il gestore del rifugio ha segnalato la presenza dell’ungulato ai Carabinieri forestali ed al tecnico faunistico di ERSAF – Parco Nazionale dello Stelvio. Immediatamente, la pattuglia della Stazione Carabinieri “Parco” di Valfurva si è mobilitata per  soccorrere il cervo. A bordo della motoslitta in dotazione, i militari hanno quindi tempestivamente raggiunto la località isolata con il tecnico faunistico dell’Ente Parco.

Valutata la situazione, si è optato per sedare l’animale a distanza, tramite telenarcosi praticata dal tecnico faunistico. Lanciato il dardo, per non creare ulteriori stress al cervo già così provato, i presenti, da lontano, hanno atteso che si addormentasse. Dopo alcuni minuti, ormai inerme e reso immobile per evitare che possibili risvegli potessero creare reazioni di fuga o situazioni di pericolo, l’animale è stato adagiato su una barella e, trainato dalla motoslitta, è stato trasportato a valle dove gli sono state prestate le prime cure.

Purtroppo, nonostante le cure e la dedizione, l’animale non è sopravvissuto, troppo lo stress e la sofferenza patita. È quindi importante ricordare che la presenza di animali in difficoltà va segnalata immediatamente alle Autorità, evitando iniziative che possano mettere a repentaglio la propria e l’altrui incolumità, nonché situazioni di stress per la fauna selvatica. Quanto più rapida sarà la segnalazione, più rapido sarà l’intervento dei Carabinieri Forestali.

Potrebbe Interessarti

Torna su
SondrioToday è in caricamento