rotate-mobile
Domenica, 4 Dicembre 2022
La prima volta / Bormio

Per la prima volta in Valtellina il "Crash course terapia intensiva" dell'Università Bicocca

Appuntamento dal 14 al 18 novembre a Bormio per circa 60 medici specializzandi del secondo anno

La Valtellina per la prima volta ospiterà un evento formativo della Scuola di Specializzazione in Anestesia, Rianimazione, Terapia Intensiva e del Dolore dell'Università Bicocca di Milano, una delle più qualificate in Italia, che coinvolgerà una sessantina di specializzandi del secondo anno. Dal 14 al 18 novembre, a Bormio, nella Sala della Banca Popolare di Sondrio, si svolgerà il "Crash Course Terapia Intensiva", che prevede lezioni, workshop e attività pratiche con la presenza di una decina di docenti, fra cui il direttore del Dipartimento di Emergenza urgenza dell'Asst Valtellina e Alto Lario Fabio Sangalli.

Nei mesi scorsi, era stato proprio il dottor Sangalli, in valle dal luglio del 2021, membro del Consiglio direttivo della Scuola, in accordo con il direttore generale Tommaso Saporito, ad avanzare la proposta al direttore, il professor Roberto Fumagalli, che l'aveva accolta positivamente. Il corso rappresenta una tappa importante lungo il percorso formativo dei futuri specialisti in Anestesia, Rianimazione, Terapia intensiva e del Dolore, che devono acquisire e sviluppare le conoscenze teoriche di base e specifiche della disciplina, l'abilità tecnica e l'attitudine necessarie ad affrontare in maniera appropriata le diverse situazioni cliniche.

"Con il direttore Fumagalli abbiamo ritenuto utile organizzare in Valtellina questo evento - spiega il dottor Sangalli - con il duplice intento di offrire le nostre competenze e di rafforzare il rapporto di collaborazione tra la nostra Asst e la Scuola. Grazie alla disponibilità dell'amministrazione comunale di Bormio e alla Banca Popolare di Sondrio, portiamo in valle gli specializzandi e mostriamo la nostra realtà a futuri colleghi con l'auspicio che, una volta formati, scelgano gli ospedali della provincia di Sondrio per esercitare la professione. Sta già accadendo con alcuni specializzandi degli ultimi anni che hanno deciso di investire sul futuro della nostra Asst e sono entrati in organico".

Attualmente sono cinque i medici specializzandi che operano nella Struttura complessa di Anestesia e Rianimazione dell'Asst Valtellina e Valchiavenna.

Ad attendere i medici specializzandi in Anestesia e Rianimazione, cinque giornate intense di formazione con lezioni il mattino, il pomeriggio e anche la sera, secondo un programma che prevede, nella mattinata di giovedì 17 novembre, un'escursione con pranzo in rifugio per scoprire le bellezze del nostro territorio. Il corso si concluderà venerdì 18.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per la prima volta in Valtellina il "Crash course terapia intensiva" dell'Università Bicocca

SondrioToday è in caricamento