rotate-mobile
Mercoledì, 7 Dicembre 2022
il chiarimento / Sondalo

Alte specialità chirurgiche al Morelli, la Regione smentisce Salvini

La nota della direzione generale Welfare di Regione Lombardia. I dati degli ultimi due mesi (al di là del covid)

Le alte specialità chirurgiche resteranno all'ospedale "Eugenio Morelli" di Sondalo. A confermarlo, smentendo di fatto le dichiarazioni del leader della Lega, Matteo Salvini, è stata la direzione generale Welfare di Regione Lombardia. “Al Morelli di Sondalo resterà sempre un’emergenza/urgenza all’avanguardia, le alte specialità invece saranno altrove, ma il Morelli non chiuderà mai, non sarà ridimensionato" aveva dichiarato nei giorni scorsi il leghista, in vacanza insieme alla figlia nella Magnifica Terra.

"Come da DGR n. 5107 del 26.7.2021, l’ospedale di Sondalo si conferma sede delle alte specialità chirurgiche, quali neurochirurgia, chirurgia vascolare e chirurgia toracica. Si rafforza pertanto il concetto già espresso dall’on. Salvini per il quale l’Ospedale Morelli è punto di riferimento per tutte le patologie sia in emergenza-urgenza che in elezione dell’Alta Valtellina, anche in considerazione degli importanti flussi turistici periodici che interessano questa area" si legge in una nota regionale, fortemente richiesta dai primi cittadini del Bormiese.

Un chiarimento da parte della Regione avvalorato dai numeri. "Negli ultimi due mesi presso l’ospedale di Sondalo, nonostante l’emergenza da Covid-19, sono stati eseguiti quasi 200 interventi chirurgici urgenti e programmati nelle 3 alte specialità chirurgiche e, complessivamente, quasi 18.000 prestazioni ambulatoriali” si conclude la comunicazione regionale.

Dati che gettano acqua sul fuoco della polemica lanciata dei sindaci e ripresa dal movimento popolare "Rinascita Morelli Autonomo", guidato da Ezio Trabucchi, Giuliano Pradella e Gerlando Marchica.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alte specialità chirurgiche al Morelli, la Regione smentisce Salvini

SondrioToday è in caricamento