rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
La presentazione

Nuova Sondrio: sarà Zanetti a guidare la squadra Juniores

Dopo le dimissioni di Tiziano Togni, l'annuncio e la presentazione del nuovo tecnico nella mattinata odierna

Il settore tecnico della Nuova Sondrio Calcio si arricchisce notevolmente con l’arrivo di un allenatore di grande qualità ed esperienza. Sergio Ariel Zanetti è il nuovo mister della formazione Juniores impegnata nel campionato regionale A, in cui occupa il penutlimo posto con 16 punti dopo la sconfitta di sabato a Scanzorosciate con il punteggio di 3-0.

Il tecnico di origini argentine, fratello di Javier, ex capitano dell’Inter e oggi vicepresidente del club nerazzurro, è stato presentato oggi nella conferenza stampa svoltasi nella Club House del Rugby Sondrio alla presenza del presidente del club Michele Rigamonti, del direttore sportivo Christian Salvadori, mentre il responsabile del settore giovanile, Mauro Baggini, ha portato i suoi saluti via telefono.

Dopo le dimissioni dei giorni scorsi di Tiziano Togni, a cui è stato rivolto il ringraziamento del club per quanto fatto in questi tre anni, la scelta è stata indirizzata verso un allenatore che vanta nella sua carriera molteplici esperienze ad alto livello.

“Per la nostra società questa è una giornata molto importante, perché accogliamo nella nostra famiglia un allenatore che non ha bisogno di presentazioni – ha esordito il presidente Rigamonti -. In quattro parole ci siamo capiti e questo è importante, perché il lato tecnico è fondamentale, ma la persona e l’umanità vanno oltre ogni cosa, valori che sono alla base dello spirito della nostra società. Anche ieri la prima squadra ha evidenziato un bel clima, una giusta mentalità, la voglia di mai mollare, altre caratteristiche che ci appartengono”.

"E’ un giorno importantissimo questo e per me è un onore aver coinvolto Sergio Zanetti in questo progetto, anche grazie all’amicizia che ho con il fratello Javier, ma la stima e il curriculum di Sergio hanno da soli l’importanza che meritano per dare un senso di quello che si vuol fare con il settore giovanile - ha fatto eco il ds Christian Salvadori -. Stanotte mi stavo immedesimando con quello che proverà un giocatore della Juniores biancazzurra oggi a svolgere il primo allenamento con un tecnico di questo livello. Quando il presidente mi ha chiesto un aiuto, ho iniziato a pensare a come muovermi. Da ora mi occuperò della Juniores e lo farò con ambizione e professionalità, che sono le caratteristiche del mio modo di fare calcio. Questa squadra deve prendere le sembianze e le caratteristiche della formazione maggiore, giocando per vincere, con un’idea di calcio precisa. Questa mossa deve essere un vanto per il settore giovanile e per tutta Sondrio”.

Il responsabile del settore giovanile biancazzurro, Mauro Baggini, in collegamento telefonico, ha dato il suo saluto: “Ringrazio il direttore sportivo per aver risolto in tempi rapidi e in modo eccellente una situazione non facile, ringrazio mister Zanetti per aver accettato la sfida. E’ un vanto e motivo di prestigio averlo in squadra con noi. Un doveroso ringraziamento va anche a Tiziano Togni, che ha messo a disposizione la sua passione per la Nuova Sondrio”.

Mister Sergio Zanetti ha, invece, esordito così: “Ringrazio il presidente e il direttore sportivo, perché fin dal primo momento ho avuto feeling con loro, ho sentito che c’è l’alchimia giusta. Il primo approccio è sempre importantissimo e le parole che ho ascoltato lo dimostrano. Mio fratello mi ha chiamato dicendomi che aveva bisogno di una mano e che avrei avuto a che fare con persone per bene. Non ho guardato dove andavo, che categoria facevano. Amo il calcio, l’ho amato fin da quando avevo 11 anni e amo essere in campo. Oggi alleno, ma ho cercato di giocare tantissimo. Il mio compito è cercare di trasmettere questa passione e far capire ai ragazzi che andrò ad allenare che sono a un passo dalla prima squadra, che devono cercare di essere un serbatoio per la formazione maggiore. Devono essere fieri di difendere questi colori”.

Sergio Zanetti nel corso della conferenza stampa

“Il calcio ti apre tantissime porte, pensate al caso del Chievo Verona. Quei giocatori sono conosciuti perché hanno fatto un certo percorso nel mondo del calcio - ha proseguito il neo tecnico della Juniores biancazzurra -. Uno deve venire qui e cercare di essere felice quando fa un allenamento ed essere orgoglioso di vestire questi colori, dando il meglio. Devo trasmettere questa mentalità vincente anche se non abbiamo molto tempo, ma non fa niente, dobbiamo lavorare per diventare uomini: se sei una brava persona e mi dai il massimo, saprai dimostrare di essere un buon giocatore. Darò il massimo come sono abituato a fare. Ora contano i fatti. Voglio essere in una società dove si può lavorare in libertà e qui ho trovato il posto giusto. Devo dare io il mio esempio, insieme al mio staff. Sono italo-argentino e trasmetterò quello che provavo e sentivo alla loro età. Dovremo fare in modo che partita dopo partita capiscano che stanno crescendo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova Sondrio: sarà Zanetti a guidare la squadra Juniores

SondrioToday è in caricamento