rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Scuola Chiavenna

Le estetiste del futuro sono "made in Valchiavenna"

Nel 2025 sarà la provincia di Sondrio a tenere a battesimo le prime a concludere il ciclo di studio in Servizi per la sanità e l’assistenza sociale con offerta formativa aggiuntiva in Scienze Estetiche Integrate

Avvicinare il mondo della scuola a quello del lavoro. È l’obiettivo del Progetto Innovativo Nazionale, unico in Italia, di Servizi per la sanità e l’assistenza sociale con offerta formativa aggiuntiva in Scienze Estetiche Integrate proposto all’Istituto Professionale Statale “Crotto Caurga” di Chiavenna. Un percorso di cinque anni, avviato nell’anno scolastico 2019/2020, che sta formando le estetiste del futuro: nel 2025 si diplomeranno 16 studentesse, le prime in assoluto con questa formazione professionale sperimentale. Fondamentale nella crescita del progetto è stata la collaborazione tra l’istituto guidato dal Dirigente Massimo Minnaie l’Associazione “Bellezza&Benessere” (categoria attiva all’interno dell’Unione Commercio e Turismo della provincia di Sondrio) presieduta da Nadia Muffatti.

"Uno dei punti di forza di questo progetto – sottolinea Nadia Muffatti – è il fil rouge che lega le due anime del corso, un’idea di promozione del benessere della persona a 360 gradi, sia in senso psico-fisico che in senso psico-sociale. Due dimensioni apparentemente diverse ma strettamente connesse, che nel corso dei cinque anni di studi vengono spiegate, conosciute e sperimentate sia durante le lezioni teoriche, sia durante i laboratori (relativi alla parte di Estetica e a quella socio-sanitaria). Al termine dei cinque anni le discenti conseguiranno il Diploma di Stato in ambito sanitario, e al contempo tale proposta formativa consentirà alle future estetiste di conseguire la qualifica e il diploma professionale - a seguito di un breve percorso di apprendistato di primo livello pensato ad hoc col benestare di Regione Lombardia-. Questo assicurerà loro la possibilità di accedere a percorsi universitari o a corsi di specializzazione in estetica sociale ed oncologica, corsi che permettono di erogare servizi di qualità, all’avanguardia, specializzanti e in linea con le più recenti richieste del mercato. E, parimenti importante, questo percorso garantirà loro una formazione davvero di qualità e maggiori opportunità di trovare lavoro facendosi promotrici di salute e benessere". 

Queste figure professionali sono molto richieste dal mercato del lavoro: le conoscenze acquisite durante i cinque anni di formazione aumenteranno il tasso di occupabilità sia nei centri estetici, sia nelle strutture ricettive, alberghi, spa, terme, centri wellness, farmacie e studi medici. In base alle più recenti ricerche di mercato, il turismo del benessere avrà un tasso di crescita annuo del 21% fino al 2025. La formazione del personale e la qualità del servizio erogato faranno sempre di più la differenza. Tema che assume un valore particolare in vista delle Olimpiadi invernali 2026, appuntamento unico e irripetibile per la provincia di Sondrio: le migliaia di visitatori italiani e stranieri che raggiungeranno Valtellina e Valchiavenna, durante e dopo i Giochi a cinque cerchi, cercheranno esperienze autentiche e un elevato livello dell’accoglienza turistica.  Secondo lo studio realizzato da Enit, l’Agenzia nazionale del turismo, il 22% dei viaggiatori pratica un'attività legata al wellness durante la vacanza, con in testa le spa (34%) seguite da massaggi, terme e cure estetiche. 

In collaborazione con l'Istituto Professionale Crotto Caurga di Chiavenna si propongono “GIORNATE A PORTE APERTE” dedicate alle estetiste titolari di Centri collocati in Valtellina, Valchiavenna e Alto Lario con l'obiettivo di rafforzare il rapporto fra scuola e mondo del lavoro. Da gennaio 2023 fino alla fine di aprile, il lunedì pomeriggio, previa prenotazione, le professioniste titolari di azienda potranno recarsi a scuola e scoprire come vengono preparate le future operatrici del benessere. Durante la visita si avrà modo di osservare come le allieve sviluppano i vari servizi, il loro livello di organizzazione e l’uso delle competenze acquisite. Questo renderà più facile individuare le figure più adatte ad un inserimento in stage attivo nel proprio istituto. Un prezioso momento di confronto tra studenti e mondo del lavoro”.

Altro aspetto importante è l’apertura del laboratorio della scuola anche alle estetiste che già svolgono la loro attività. A seguito del partenariato fra scuola e Unione Commercio e Turismo di Sondrio, ha preso il via il calendario dei corsi di formazione professionale finalizzato all’apprendimento di nuove ed innovative metodiche di lavoro. Una opportunità unica di formazione specifica di settore sul territorio. Questo oltre ad elevare il livello dell’offerta verso l’utente finale, si traduce anche in un risparmio economico evitando lunghe e costose trasferte fuori provincia e aprendo il territorio a possibili nuove presenze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Le estetiste del futuro sono "made in Valchiavenna"

SondrioToday è in caricamento