Viabilità

Sondrio, le strade comunali ai raggi X per programmare gli interventi di manutenzione

Tutto questo grazie a un programma realizzato da tre progettisti valtellinesi e che analizza le caratteristiche delle varie arterie per definire priorità e caratteristiche degli interventi necessari da parte dell'amministrazione del capoluogo

Individuare gli interventi, quantificarli dal punto di vista economico e programmarli: una vera e propria innovazione per mettere a sistema il settore delle manutenzioni, guadagnandone in efficienza e in efficacia. Con il programma realizzato da tre progettisti valtellinesi per conto dell'amministrazione comunale, sarà possibile avere una mappa in tempo reale delle problematiche relative alle strade comunali che risulterà fondamentale nella fase della programmazione degli interventi.

Strade comunali ai raggi X

Informazioni quali il tipo di pavimentazione, i metri quadrati di superficie, gli interventi già effettuati, la gravità della situazione, la presenza di criticità nel sottosuolo, i materiali da utilizzare, i costi delle opere, ma anche il traffico che insiste sul tratto di strada considerato, saranno utili in fase decisionale. Tutti questi dati contribuiscono a definire lo stato di manutenzione del manto stradale attraverso un procedimento geostatistico che consente di elaborare delle tabelle che vengono rappresentate sulla cartografia.

I colori, dal rosso al verde, indicano lo stato di manutenzione del manto stradale: pessimo, scarso, sufficiente, buono e ottimo. Altri colori e un'altra cartografia per la cronologia degli interventi recenti o prossimi, dal rosa al marrone scuro, per le criticità del sottosuolo, e per i livelli di traffico, dal rosso per elevato al giallo per non rilevante.

Strade migliori per una città più vivibile

La cartina riepilogativa colora le strade della città a seconda della priorità degli interventi: rosse per elevata, arancione per alta, giallo per media, verde chiaro per medio-bassa e verde scuro per bassa. Una puntuale ricognizione e una maggiore precisione che avvantaggeranno e renderanno più analitico il processo decisionale, come spiega il sindaco Marco Scaramellini: "La cura delle strade e dei marciapiedi è fondamentale perché migliora la vivibilità e questo è un altro strumento di lavoro che corrisponde a una logica di corretta progettualità. Per impostarla, per intervenire e infine per gestire le manutenzioni bisogna prima conoscere in maniera analitica e approfondita. Questo approccio consente di supportare le scelte e di gestirne in seguito il mantenimento".

"Abbiamo deciso di dotare i nostri uffici di uno strumento costruito su misura, - aggiunge l'assessore ai Lavori pubblici Andrea Massera - anziché reperire sul mercato, tra l'altro con costi maggiori, strumenti già esistenti. Siamo molto soddisfatti della scelta operata, che ci restituisce uno strumento altamente personalizzato e di semplice utilizzo. Una delle maggiori utilità di questo programma è quella di ottenere una quantificazione preliminare delle superfici, un confronto tra diverse tipologie di materiale e una stima parametrica dei costi da sostenere, rendendo più agevole impostare le priorità e decidere dove e come intervenire".

Il via effettivo

Un lungo lavoro preparatorio e la stretta collaborazione fra i tre professionisti, Massimo Spinelli, Gabriele Campagnoli e Gian Luca Galli, e il personale dell'Ufficio tecnico comunale, i rilievi sul campo e l'inserimento dei dati per un'infrastruttura informatica disegnata sulle necessità della città. Lo strumento è quasi pronto: l'obiettivo è di definirlo nei dettagli entro la fine dell'anno per partire con la nuova metodologia nella programmazione degli interventi con il 2022.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sondrio, le strade comunali ai raggi X per programmare gli interventi di manutenzione

SondrioToday è in caricamento