Il coronavirus non ferma il Sondrio Festival, i documentari "entrano" nelle case di tutti

Vista la pandemia in atto la formula della manifestazione cambia. I documentari potranno essere visti in streaming su smart tv, computer, tablet e smartphone. L'appuntamento è per il 13 novembre

La magia del cinema e il grande spettacolo della natura, la settima arte e le meraviglie di flora e fauna: la XXXIV edizione di Sondrio Festival, la Mostra Internazionale dei Documentari sui Parchi, è pronta a stupire e insieme a invitare alla riflessione, ad aprire gli occhi per vedere ciò che accade nel nostro pianeta. Processi non irreversibili ma che richiedono attenzione e impegno, la ferma volontà di essere affrontati e risolti prima che sia troppo tardi.

La formula della manifestazione organizzata da Assomidop cambia in questo tormentato 2020, viaggiando nel tempo e nello spazio per annullare le distanze. Con il Teatro Sociale prudentemente chiuso, i weekend delle proiezioni da due che erano l'anno scorso diventano tre e i documentari potranno essere visti in streaming sulla propria smart tv, su computer, tablet e smartphone. Sei serate per 16 documentari in concorso: venerdì 13 e sabato 14, venerdì 20 e sabato 21, venerdì 27 e sabato 28 novembre, con inizio alle ore 20.45, e il gran finale previsto per domenica 29 con le premiazioni.

Nelle case di tutti

Il momento difficile ha condizionato fortemente fin dall'inizio l'organizzazione di questa edizione di Sondrio Festival, ma l'adesione di numerosi registi che hanno iscritto i loro documentari ha spronato l'Amministrazione comunale e gli altri soci di Assomidop a proseguire nell'impegno fino ad adottare la modalità streaming. ≪Sondrio Festival entrerà nelle case di tutti - spiega l'assessore alla Cultura, Educazione e Istruzione e presidente di Assomidop Marcella Fratta -: grazie al progresso delle nostre tecnologie, il pubblico valtellinese e del resto d'Italia potrà vedere i documentari e gli studenti avranno l'opportunità di godere dell'innovativa offerta di didattica a distanza. Perdiamo la dimensione della condivisione che il teatro avrebbe assicurato, ma ne guadagniamo in divulgazione poiché avremo la possibilità di raggiungere un maggior numero di persone, sia in provincia che fuori≫. Non un'edizione di Sondrio Festival in tono minore, tutt'altro, ma un evento diverso che propone un modo di fruire i documentari con cui ormai tutti hanno dimestichezza.

La costruzione del programma

In attesa di conoscere il programma della XXXIV edizione, che verrà svelato nei prossimi giorni,  i titoli dei 16 documentari in concorso e le iniziative per le scuole, a catturare l'attenzione sono i temi che caratterizzeranno Sondrio Festival, che ruotano attorno alla natura e alle emergenze ambientali, dalla Valtellina al resto del mondo, sempre attuali e in costante evoluzione.

Dalla Germania all'Italia, dal Kenia al Messico, dal Canada alla Svizzera, dalla Russia agli Stati Uniti, dal Botswana alla Spagna e alla Cina, attraverso i documentari l'evento, da tempo riconosciuto a livello internazionale, porrà al centro della scena le problematiche più o meno note, le emergenze più o meno prevedibili dell'ambiente naturale nelle aree protette di tutto il mondo.

I babbuini del vulcano Suswa, in Kenia, linci, castori, giaguari, orsi bruni e tartarughe minacciati dai confini, il gatto selvatico europeo, il salmone russo Sockeye, i lupi di Yellowstone, leopardi, zebre e gnu, i panda allevati in cattività e poi liberati nel mondo selvaggio: tanti protagonisti tra i quali il pubblico sceglierà i suoi beniamini, mentre sarà la giuria internazionale a decretare il documentario vincitore.

≪Dal punto di vista organizzativo questa edizione rappresenta una grande sfida - spiega il direttore Simona Nava -: in un anno difficile, con le restrizioni imposte, il nostro primo obiettivo è stato quello di arricchire l'offerta, di aggiungere anziché togliere. Lo dobbiamo a un pubblico fedele e appassionato che quest'anno potremo ampliare attraverso le proiezioni in streaming dei documentari in concorso. Per il pubblico, così come per gli studenti delle scuole, che non potremo accogliere in teatro, le opportunità aumenteranno poiché potranno vedere e rivedere i documentari quando e come vorranno. L'alto livello qualitativo dei filmati, i temi trattati e le aree del mondo indagate riusciranno come sempre a coinvolgere e a sorprendere≫.

La nuova edizione di Sondrio Festival, rivista e adattata alle circostanze, non perde nulla in magia e fascino come il pubblico di spettatori, locale e collegato da tutta Italia, avrà presto modo di constatare. L'appuntamento è per il 13 novembre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ponte in lutto per la morte della giovane Teresa

  • Nuova Olonio, sradicano il bancomat nella notte: ladri in fuga

  • Violenza e minacce contro la fidanzata: denunciato 25enne

  • Sondrio, dà fuoco al palazzo comunale: preso grazie ad un cittadino coraggioso

  • Da domenica la Lombardia diventa zona arancione: la conferma del Governo

  • Arriva l'inverno in Valtellina e Valchiavenna: previste le prime nevicate

Torna su
SondrioToday è in caricamento