menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I medici del Morelli durante l'emergenza covid-19 nel marzo scorso

I medici del Morelli durante l'emergenza covid-19 nel marzo scorso

Sanità, la lettera di 23 medici dell'ospedale di Sondalo: «Il Morelli è funzionante»

La lettera: «Non vorremmo che le attuali polemiche causassero nella cittadinanza la sensazione che l'ospedale Morelli sia diventato solo un ospedale "covid" e che il resto dell'attività sia sospesa»

«ln qualità di medici operanti presso il presidio di Sondalo dell'Azienda Ospedaliera della Valtellina e Alto Lario vorremmo, al di là delle decisioni politiche regionali in ambito sanitario, comunicare alla popolazione valtellinese che l'ospedale Morelli è a tutt'oggi funzionante per specialità sia di area chirurgica che di area medica, sia sotto forma di ricovero che di prestazione ambulatoriale o di pronto soccorso». È con queste parole che 23 medici dell'ospedale Morelli di Sondalo hanno deciso di rassicurare la popolazione valtellinese sull'attuale gestione del nosocomio dell'Alta Valle.

Una presa di posizione molto forte, a tratti inaspettata, che si inserisce prepotentemente nell'accesa discussione sulla riorganizzazione della sanità in provincia di Sondrio che vede coinvolti i sindaci del Bormiese, il “Comitato a difesa della sanità di montagna - Io sto con il Morelli” oltre che gli altri primi cittadini della provincia di Sondrio (i cosiddetti 71 sindaci, ndr) e, ovviamente, Regione Lombardia, nelle persone dell'assessore al Welfare, Giulio Gallera, e dell'assessore alla Montagna e Enti Locali, Massimo Sertori, su tutti. 

«Non vorremmo che le attuali polemiche, in cui non entriamo direttamente, causassero nella cittadinanza la sensazione che l'ospedale Morelli sia diventato solo un ospedale "covid", cioè solo dedicato alla cura di pazienti affetti da tale patologia e che il resto dell'attività sia sospesa. Ribadiamo anche che i percorsi per pazienti covid e non covid sono nettamente distinti quindi il paziente che afferisce per visita ambulatoriale o ricovero non corre nessun rischio di commistione con pazienti infetti» hanno proseguito i camici bianchi di Sondalo.

«Pensiamo che attualmente al Morelli prestino servizio fior fiore di professionisti sanitari che, malgrado le difficoltà create dalla recente pandemia e dalla inevitabile fase di assestamento successiva, lavorano ogni giorno riuscendo a garantire ottimi livelli di cure che, per alcune specialità, raggiungono livelli di eccellenza nazionale» hanno concluso i medici Claudio Bonizzoni, Sara Camurri, Luca Briatico Vangosa, Pietro Taliente, Vittorio Fregoni, Chiara Rebucci, Sarah Barbuto, Ruggero Fanelli, Leonardo Iannacci, Pietro Viggiani, Claudia Pedrotti, Carlo Marchino, Dario Pedrini, Federico Leggio, Massimo Balboni, Fiorella Gualzetti, Federico Mariani, Miriam Cecini, Libertario Rollo, Angelo Di Sario, Paolo Cosma, Alessandro Fugagnoli e Rosa Maria Di Lauro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Valchiavenna in lutto per la morte di Guglielmo

Coronavirus

Coronavirus, la "stabilità" del contagio in provincia di Sondrio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento