menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Coronavirus, il neonato col pannolino arcobaleno diventa un simbolo: "Più forte di tutto c'è la vita". Foto pubblicata su Facebook da Neo, Associazione Amici della Neonatologia dell'Ospedale Niguarda onlus“

Coronavirus, il neonato col pannolino arcobaleno diventa un simbolo: "Più forte di tutto c'è la vita". Foto pubblicata su Facebook da Neo, Associazione Amici della Neonatologia dell'Ospedale Niguarda onlus“

Emergenza coronavirus: i parti di Sondalo (tranne quelli urgenti) "spostati" all'ospedale di Sondrio

Il direttore generale, Tommaso Saporito: «La riorganizzazione si è resa necessaria a seguito della trasformazione del Morelli in "Ospedale covid-19"»

Con il Morelli di Sondalo che proprio nei giorni scorsi ha completato la sua trasformazione in "Ospedale covid-19", l'Azienda Socio Sanitaria Territoriale (ASST) della Valtellina e dell’Alto Lario , sull'esempio di quanto già fatto negli altri presidi ospedalieri lombardi destinati alla cura dei malati di coronavirus, ha riorganizzato i punti nascita per garantire la migliore e la più qualificata assistenza alle pazienti in dolce attesa.

A partire da domani, giovedì 19 marzo, per l'intera durata dell'emergenza, il punto nascita di Sondalo sarà sospeso, mentre quello di Sondrio, presso il quale verranno concentrati tutti i parti, sarà potenziato. 

«La riorganizzazione si è resa necessaria a seguito della trasformazione del Morelli in "Ospedale covid-19" - spiega il direttore generale Tommaso Saporito - allo scopo da un lato di destinare altro personale alla cura dei malati di coronavirus, dall'altro di garantire la migliore assistenza alle partorienti che troveranno nel punto nascita di Sondrio, potenziato per accogliere anche l'utenza dell'Alta Valtellina, personale qualificato e strutture adeguate per vivere il parto in completa tranquillità. A Sondalo garantiremo solo i parti in emergenza».

La foto del neonato con il pannolino arcobaleno che ha commosso l'Italia

Nel caso in cui una donna in gravidanza decidesse comunque di presentarsi a Sondalo avrà sempre a disposizione due medici ginecologi, uno presente dalle 8 alle 20 e reperibile nelle ore notturne, un secondo sempre reperibile, per eventuali interventi chirurgici o parti in situazioni di emergenza.

Saranno inoltre presenti un pediatra e un'ostetrica per le 24 ore, mentre un'altra ostetrica sarà in ospedale da lunedì a venerdì, dalle 8 alle 16, e reperibile negli altri orari e nel fine settimana.

Sia a Sondalo che in tutti i presidi territoriali vengono garantite le attività ambulatoriali per le donne in gravidanza. Al sopraggiungere dei primi segnali, la partoriente potrà contare sul servizio di trasporto, in ambulanza o in elicottero, e sull'assistenza di un ginecologo o di un'ostetrica che sarà al suo fianco durante il tragitto: i parti imminenti, i cui tempi sconsigliano il trasferimento, si effettueranno al Morelli, mentre per tutti gli altri sarà organizzato il trasporto a Sondrio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Valchiavenna in lutto per la morte di Guglielmo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SondrioToday è in caricamento