Attualità

Meteo e agricoltura: più efficiente la rete di centraline della Fondazione Fojanini

Completata l’implementazione della rete agrometeo a disposizione degli operatori del comparto frutticolo e viticolo con dati meteo aggiornati nei principali comprensori della provincia di Sondrio. I dettagli

La Fondazione Fojanini di Studi Superiori ha completato l’implementazione della propria rete agrometeo per mettere a disposizione degli operatori del comparto frutticolo e viticolo dati meteo aggiornati nei principali comprensori della provincia di Sondrio.

“Grazie a finanziamenti delle Comunità montane di Sondrio, Morbegno e Tirano si è potuto procedere quest’anno alla sostituzione di alcune centraline meteo (Buglio in Monte, Teglio Valgella e Tirano Cologna) e alla riorganizzazione della pagina meteo del sito della Fondazione Fojanini” dichiara Sonia Mancini, Presidente della Fondazione Fojanini. “La rete di centraline è stata completata anche grazie alla collaborazione con il Servizio Fitosanitario di Regione Lombardia, con le Cooperative Vitivinicole e alcune aziende agricole del territorio.”

Nell’ottica di condividere dati già esistenti sul territorio, sono entrate a far parte della rete meteo centraline già in dotazione ad altri enti o aziende, che hanno gentilmente concesso di utilizzare i loro dati e hanno condiviso la progettualità. Fanno parte della rete infatti centraline del Servizio fitosanitario di Regione Lombardia e di aziende private, che hanno acquisito strumentazione meteo negli anni ultimi anni, come l’Azienda Nino Negri-GIV, l’azienda Sandro Bambini e l’azienda Daniele Franchetti entrambe di Ponte in Valtellina. Altre due centraline sono state acquisite dalle Cooperative vitivinicole di Albosaggia e Montagna in Valtellina, grazie ad un progetto finanziato dal GAL in collaborazione sempre con la Fondazione Fojanini (Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020) e una è stata concessa in comodato d’uso grazie ad una collaborazione con  Agricolus-Diachem. Anche con il Consorzio pluviirriguo Sponda Soliva abbiamo una collaborazione da diversi anni per la condivisione dei dati meteo.

Il sito consultabile

“Attualmente la rete è costituita da 15 centraline dislocate sul territorio, da Buglio in Monte a Tirano, consultabili accedendo al sito della Fondazione Fojanini (https://meteo.fondazionefojanini.it/)” spiega Martino Salvetti, responsabile del Servizio Fitosanitario della Fojanini. “Una volta entrati nella pagina, compare una mappa della provincia di Sondrio, da qui è possibile cliccare sulle posizioni delle singole centraline elettroniche e visualizzare l’andamento dei principali parametri (temperature, umidità, pioggia, bagnatura fogliare), su base oraria e media giornaliera, selezionando l’intervallo di tempo che interessa. L’accesso ai dati è facile e veloce, sia da smartphone che da computer, da quest’ultimo è possibile scaricare e salvare i dati in formato excell in modo da consentire eventuali elaborazioni. L’accesso è libero e non prevede alcuna forma di iscrizione, per cui non richiede il login con password.”

mappa centraline mete fojanini-2

Per entrare nei dettagli tecnici, tutte le centraline acquisite  collegate sono di ultima generazione ed uniscono ad un’ estrema affidabilità e precisione nella rilevazione del dato, anche una notevole semplicità costruttiva che ne rende agevole la gestione con bassi costi di manutenzione e di trasmissione dati.

“Avere una rete meteo capillare sul territorio è importante per diversi aspetti del comparto frutticolo e viticolo”, continua Salvetti: “dal’esame delle condizioni favorevoli all’innesco delle infezioni di malattie di melo e vite, alla valutazione dei dilavamenti causati dalle piogge, a quella dei parametri inerenti la disponibilità idrica del terreno; inoltre i dati meteo possono essere utilizzati per il funzionamento di modelli informatici previsionali sulle malattie delle piante, sempre più indispensabili su scala territoriale per programmare in modo oculato la difesa fitosanitaria”.

“Riteniamo che la collaborazione di tutti i soggetti coinvolti sia stata particolarmente proficua e, oltre a consentire un notevole risparmio economico, dimostra come il coinvolgimento di soggetti diversi che operano sul territorio, sia positivo per implementare uno strumento a disposizione degli operatori (tecnici e agricoltori). È inoltre la dimostrazione di come con una strategia di squadra si possano valorizzare gli apporti dei singoli, per raggiungere un obiettivo che stiamo perseguendo da diversi anni: quello di condividere gli strumenti in dotazione ad enti diversi, al fine di rendere un servizio utile per tutti. Ci auguriamo che come è avvenuto per la pagina meteo del sito della Fondazione Fojanini, lo sia anche per altri strumenti e servizi.” conclude Sonia Mancini.

Gallery

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Meteo e agricoltura: più efficiente la rete di centraline della Fondazione Fojanini

SondrioToday è in caricamento